menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un defibrillatore in via Emilia Centro, donazione della Croce Rossa per la salute di tutti

Collocato lunedì 26 novembre, alle 10, il primo di 5 apparecchi donati dai volontari alla città. Sono intervenuti il sindaco Muzzarelli e la presidente della Cri Malieni

È stato collocato questa mattina, lunedì 26 novembre, in via Emilia centro, all’altezza dell’incrocio con via San Carlo, il primo dei cinque defibrillatori che la Croce Rossa di Modena ha donato alla comunità cittadina. Il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, gli assessori al Welfare e Sanità Giuliana Urbelli, e ai Lavori pubblici e Protezione civile Giulio Guerzoni e la presidente della Croce Rossa di Modena Teresa Malieni hanno presenziato alla collocazione dell’apparecchio nella colonnina installata all’esterno delle colonne del portico, nei pressi dell’edicola.

Il defibrillatore automatico, utilizzabile anche da persone senza preparazione specifica che, in caso di emergenza, vengono guidate telefonicamente dal 118, è il primo collocato direttamente su strada. Oltre al primo di via Emilia centro, gli altri quattro defibrillatori saranno collocati nei prossimi mesi all’incrocio tra via Emilia centro e corso Canalgrande, in piazza Matteotti, in via Taglio e alla Pomposa. Nei luoghi pubblici sono già presenti, per esempio, in Municipio (in piazza Grande), in Accademia, alla Società del Sandrone, all’istituto Corni, all’Autostazione, ma di defibrillatori sono dotate anche tutte le palestre e quasi tutte le polisportive modenesi per un totale di parecchie decine. Nelle prossime settimane, inoltre, cinque auto della Polizia Municipale di Modena saranno dotate di defibrillatori, acquistati nell’ambito di un progetto di digitalizzazione finanziato dalla Regione Emilia Romagna, a disposizione degli agenti appositamente preparati.

La donazione dei defibrillatori nasce da una iniziativa dei volontari della Croce rossa che, dopo un’approfondita analisi della frequenza e della tipologia delle chiamate d’emergenza, hanno indicato al Comune un elenco di postazioni utili in centro storico dal punto di vista della copertura sanitaria. I tecnici del Comune, in collaborazione con il Gruppo Hera, hanno quindi individuato le posizioni migliori tenendo conto del traffico e della possibilità di allacciare la colonnina alla corrente elettrica, necessaria per illuminare, allarmare e riscaldare la teca.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagio, solo 97 casi nel modenese. Corrono le guarigioni

Attualità

Contagio. Oggi a Modena 150 casi, ma percentuale stabile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento