rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Attualità

Incursioni no-mask nelle scuole, la Flc/Cgil chiede l'intervento della magistratura

Il sindacato chiede di tutelare la sicurezza di docenti e studenti a fronte delle ripetute iniziative di Marcello Scunzani: "Squadrismo pericoloso"

"In un anno scolastico già di per sè complicato, le incursioni No vax e No mask in alcune scuole modenesi e, soprattutto, le pesanti minacce e intimidazioni rivolte al personale e ai dirigenti scolastici presi di mira nelle scorse ore, creano un clima di tensione e di insicurezza che complica ulteriormente il lavoro di chi, quotidianamente e tra mille difficoltà dovute all’emergenza sanitaria, si adopera per garantire che la scuola funzioni nel miglior modo possibile e rimanga un luogo sereno e sicuro per il personale, gli studenti e le loro famiglie".

Lo sostiene il sindacato Flc Cgil in riferimento agli episodi delle ultime settimane. Il protagonosta è sempre Marcello Scunzani, già indagato per la consegna del pacco a casa di Stefano Bonaccini, che in modo sistematico si presenta senza mascherina presso strutture pubbliche, filmando le proprie provocazioni e postandole poi su Telegram. Le incursioni hanno riguardato varie scuole, tra cui Iti Corni Liceo Tassoni, medie Ferraris e medie Lanfranco, ma anche il Policlinico, la Biblioteca Delfini e la stessa sede della Cgil in piazza Cittadella.

"Come sindacato dei lavoratori della scuola riteniamo che tutto questo sia inaccettabile e chiediamo immediatamente alle istituzioni e alle autorità preposte di intervenire con decisione per interrompere questo delirio insensato e pericoloso - continua la Flc Cgil - Nel condannare fermamente questi squallidi episodi esprimiamo vicinanza e solidarietà al personale e ai Dirigenti Scolastici colpiti da questi attacchi e chiediamo alla magistratura di intervenire per fare chiarezza su quanto accaduto, chiudere i canali social che permettono il moltiplicarsi di un delirio pericoloso e, soprattutto, garantire la sicurezza e l’incolumità di chi vive e frequenta le nostre scuole per studio e per lavoro: studenti, docenti, personale tutto. A tutti loro va l’invito a segnalare e denunciare pressioni e minacce di ogni tipo e la rassicurazione che non mancheranno l’appoggio e il sostegno necessari".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incursioni no-mask nelle scuole, la Flc/Cgil chiede l'intervento della magistratura

ModenaToday è in caricamento