Non solo covid, nella Terapia Intensiva di Baggiovara quattro donazioni di organi

Dall’inizio della crisi su 9 donazioni in Regione, 4 sono avvenute nell'ospedale modenese, permettendo di prelevare 3 fegati e 4 reni

Su 9 donazioni multiorgano effettuate in Emilia - Romagna in marzo, 4 sono avvenute nell’Anestesia, Rianimazione e Terapia Intensiva dell’Ospedale Civile di Baggiovara, diretta dalla dottoressa Elisabetta Bertellini. Questo risultato conferma la tradizionale performance dell’Ospedale Civile, storicamente tra i centri più “generosi” della Regione e dimostra che il COVID19 non ha fermato la generosità dei modenesi, in un ambito difficile come quello della donazione di organi che sfiora le corde più intime dell’animo dei famigliari dei donatori.

Il momento in cui una persona è chiamata a decidere se donare gli organi di un proprio congiunto – spiega la dottoressa Elisabetta Bertellini – è tra i più difficili, perché la decisione va effettuate in tempi brevi, mentre si cerca di elaborare la terribile notizia di un lutto, tra paure e dubbi. Nell’attuale contesto dell’epidemia COVID 19, questa decisione viene presa in un momento ancora più complesso e carico di paura e d’ansia,  la nostra terapia intensiva che di solito è “aperta”, è oggi sottoposta a limitazioni di accesso anche per i  familiari dei pazienti no-covid e  questo condiziona l’instaurarsi del percorso di cura condiviso che prevede,  anche, il poter stare vicino al paziente e giungere alla consapevolezza che, nonostante sia stato fatto tutto quanto possibile, non c’è possibilità di sopravvivenza .La non opposizione alla donazione, proprio in un momento così difficile costituisce un importantissimo messaggio di fiducia e di speranza, per questo un ringraziamento particolare va alle famiglie che hanno deciso questo gesto di amore e di altruismo,  in un periodo drammatico per tutta la comunità ” 

Le quattro donazioni hanno consentito di prelevare 3 fegati e 4 reni. Il percorso di donazione in epoca Covid19 è molto più lungo e complesso in quanto, oltre a quanto previsto dalla legge e dalle procedure, comporta accertamenti ripetuti, sia sul donatore che sul ricevente, che confermino la negatività per il virus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In queste settimane – ha concluso la dottoressa Bertellini – il nostro reparto ha contribuito alla rete provinciale, dedicando, 34 posti di Terapia Intensiva tra gli 87 della Provincia di Modena, ai pazienti Covid più critici. Oltre a questi pazienti, abbiamo gestito pazienti no-covid traumatizzati, colpiti da patologie tempo-dipendenti, quali lo stroke, per le quali l’Ospedale di Baggiovara costituisce il centro di riferimento, non solo provinciale e, in tale ambito, il nostro importante sforzo è stato premiato dalla possibilità di dare speranza a chi è in lista d’attesa per un trapianto”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Contagio, 12 casi nel modenese. Nessun rientro dall'estero

  • Investe un ciclista e fugge, caccia ad un'auto-pirata a Vignola

  • Piano antismog, dal gennaio 2021 blocco per diesel Euro 4 (ed Euro 5)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento