Diagnosi precoce del melanoma, a Modena si eplorano nuove frontiere

Meno asportazioni e risparmio economico. Una ricerca di Unimore dimostra un più alto livello di accuratezza diagnostica della RCM (96%) rispetto alla Dermoscopia (90%)

Un risparmio economico di 200mila euro per ogni milione di abitanti per anno e la riduzione di oltre il 50% delle asportazioni: sono questi gli elementi concreti più rilevanti che emergono da uno studio di Unimore sulla diagnosi precoce del melanoma. La ricerca dimostra un più alto livello di accuratezza diagnostica della Microscopia Laser Confocale (96%) rispetto alla Dermoscopia (90%).

I dati, in corso di pubblicazione, evidenziano la performance diagnostica su lesioni equivoche per la diagnosi di melanoma: sensibilità (capacità di trovare il melanoma): RCM=96% vs. Dermoscopia=90%; specificità (nevo benigno anche se sospettato come melanoma): RCM=56% vs. Dermoscopia=38%.

“Una percentuale del 96% è altissima in medicina, vuol dire la precisione con cui identifichiamo - dichiara il prof. Giovanni Pellacani, a capo del Dipartimento di Dermatologia di Unimore - la nuova tecnologia è rapida nell’acquisizione, in uno, due minuti si riesce a valutare una lesione a livello istologico”.

Il progetto di ricerca, finanziato dal Ministero della Salute, ha esaminato tremila casi (si hanno i dati sui primi duemila). Hanno partecipato, oltre a Unimore, l’IRCCS di Reggio Emilia e l’IRST di Mendola. Lo studio ha previsto due gruppi: uno con l’uso della sola dermoscopia e l’altro anche con l’utilizzo di Microscopia Laser Confocale.

Senza utilizzo di confocale: 3 nevi benigni tolti per trovare un melanoma. Con Confocale: 1,4 nevi benigni tolti per trovare un melanoma. Percentuale di asportazione di nei benigni risparmiata: 64%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“È la prima volta che viene fatto uno studio così preciso e impegnativo come risorse – spiega il prof. Pellacani – in questo modo possiamo togliere meno nevi e più melanomi con un risparmio elevato di 200 mila euro ogni milione di abitanti ogni anno per il Sistema sanitario nazionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pancaldi, non ce l'ha fatta lo scooterista di 55 anni

  • Coronavirus, 69 nuovi casi in regione. La metà tra Bologna e Reggio Emilia

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

  • Contagio Trovati 15 nuovi casi nel modenese: erano già quasi tutti in isolamento

  • Scooter contro un'auto in via Pancaldi, grave un 55enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento