I documenti della Biblioteca Estense disponibili online grazie alla Digital Library

Nasce alla Biblioteca Estense Universitaria di Modena una digital library che permetterà la consultazione in rete di parte del patrimonio archivistico e raro. I fondi digitalizzati saranno resi disponibili sulla piattaforma tramite il protocollo IIIF

Il progetto, avviato dalle Gallerie Estensi e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, che lo ha finanziato attraverso un bando da un milione e 300 mila euro, prevede il restauro, la digitalizzazione in alta definizione e la catalogazione di parte del patrimonio della biblioteca. Prevede inoltre la metadatazione e il recupero del patrimonio già scansionato, l’archiviazione digitale e la realizzazione di una biblioteca digitale ad accesso libero. La direzione scientifica è di Martina Bagnoli, direttore delle Gallerie Estensi, uno dei trenta musei autonomi di interesse nazionale.

LA VIDEO INTERVISTA SUL DIGITAL LIBRARY

La Biblioteca Estense possiede autentici capolavori come la Bibbia illustrata per Borso d’Este e la Mappa del Cantino, il più antico planisfero portoghese sopravvissuto, e una delle prime rappresentazioni delle coste americane. Ora i preziosi documenti conservati nel Palazzo dei Musei – in particolare gli scritti di Ludovico Antonio Muratori, i documenti musicali e le carte geografiche – saranno progressivamente messi in rete, a disposizione della comunità nazionale e internazionale in un unico catalogo digitale. La piattaforma di consultazione e condivisione online sarà poi fruibile da tutti: ricercatori ed esperti, ma anche studenti e semplici cittadini che potranno così accedere e curiosare tra i tesori della Biblioteca Estense.

La piattaforma di Digital Library, in collaborazione con il laboratorio AImageLab dell’Università di Modena e Reggio Emilia, diretto dalla prof. Rita Cucchiara, consentirà inoltre agli studiosi di intelligenza artificiale di utilizzare i contenuti della biblioteca per sviluppare i propri progetti di ricerca, come ad esempio riconoscere automaticamente la grafia dei manoscritti muratoriani. La piattaforma verrà consegnata già a luglio per il collaudo interno e da quel momento inizierà il caricamento dei contenuti, costituiti sia dall’archivio delle digitalizzazioni pregresse (circa 500.000 immagini digitali, comprendenti tra l’altro il Fondo Muratoriano) che dal flusso delle nuove digitalizzazioni (circa 800 mappe in diverso formato e 20.700 documenti del fondo musicale estense organizzati in 3.837 fascicoli).

Extense è l’associazione temporanea di imprese che, avendo vinto il bando, nei prossimi 3 anni si occuperà della realizzazione del progetto. Capofila è la modenese Franco Cosimo Panini Editore, che si occupa della fornitura del sistema di archiviazione digitale e delle digitalizzazioni dei documenti di grande formato, come le mappe; Horizons Unlimited mette a disposizione la piattaforma MLOL, che conta circa 6.000 biblioteche aderenti in 19 regioni italiane e 9 paesi stranieri con oltre 800.000 utenti registrati, per la realizzazione e la gestione della piattaforma digitale della Biblioteca Estense; HYPERBOREA si occupa del coordinamento del progetto, del censimento dei nuclei documentari e della metadatazione, fornendo il software di catalogazione Arianna; MIDA Informatica si occupa delle attività di digitalizzazione dei documenti in piccoli formati.

Il progetto si avvarrà della collaborazione di tre assegnisti di ricerca, uno per ogni fondo digitalizzato. Gli assegni di ricerca presso il Dipartimento di “Studi linguistici e culturali” di UNIMORE sono stati varati dalle Gallerie Estensi grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio. Altro elemento di novità è rappresentato dal progetto DIGITIAMO, laboratorio di inserimento lavorativo per adolescenti e giovani con autismo, reso possibile dalla collaborazione con l’associazione aut aut, che vedrà coinvolti i ragazzi nelle attività di digitalizzazione al fine di valorizzarne le attitudini e metterne a frutto i talenti, nell’ambito di un grande progetto di rilievo internazionale.

Il progetto Digital Humanities, cioè l’interazione tra competenze tecnico-scientifiche e storico-umanistiche, sarà il cuore di AGO, il Polo culturale della città di cui le Gallerie Estensi sono parte, insieme a UNIMORE, al Comune di Modena e alla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena. Come ha dichiarato recentemente Jeffrey Schnapp, membro dell’advisory board di AGO e docente di lingue e letterature romanze all’Università di Harvard, dove ha fondato il Metalab, “Ogni manoscritto miniato è un oggetto multimediale. La cultura occidentale in generale e quella italiana in particolare hanno una naturale propensione a fare dialogare cultura letteraria, cultura visiva e tecnica. La rivoluzione dell’informatica sta intensificando questo dialogo sotto condizioni nuove“. Il progetto rappresenta una grande occasione per Modena di entrare a far parte di un’importante rete internazionale per la valorizzazione del patrimonio storico digitalizzato, capace di tutelare e comunicare i beni storici e artistici attraverso l’innovazione tecnologica. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato il 16enne scomparso da Finale Emilia, sta bene

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Morto a soli 37 anni Giuseppe Loschi, medico del Modena Fc

  • Muore sulla panchina del parco delle Rimembranze, inutili i soccorsi

  • Benefici delle piante grasse: 5 motivi per cui averle favorisce la salute

  • Cadavere accanto all'auto ribaltata nel bosco, sarebbe la barista scomparsa

Torna su
ModenaToday è in caricamento