Positività fra i dipendenti comunali di Sassuolo, il sindaco fa il punto

Menani spiega la presenza di due lavoratori positivi al Covid presso gli uffici de "I Quadrati" e di un terzo in attesa di conferma. Scontro con il Pd

“La conferma, peraltro solamente verbale, della positività al tampone di due dipendenti comunali d’istanza presso la sede de I Quadrati è arrivata solamente nella giornata di martedì 27 ottobre, per il terzo caso siamo ancora in attesa di conferma”.

Con queste parole il Sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani rende nota ufficilamente la presenza di casi positivi a Covid-19 tra i dipendenti comunali, replicando alle accuse lanciate a mezo stampa dal Partito Democratico.

"Da qualche giorno gira la voce che ci siano dei dipendenti contagiati, e che su altri si stanno facendo delle verifiche; cittadini e tecnici che frequentano gli uffici cominciano a vedere gli uffici che si svuotano; compare un cartello che parla genericamente di procedure di sanificazione; ma nessuna comunicazione ufficiale, nessuna particolare procedura di sicurezza, se non quelle già previste,  ingressi e uscite non separati: un comportamento omertoso, in linea con l'atteggiamento di sottovalutazione che ha caratterizzato questa giunta fin dall'inizio della pandemia - aveva attaccato il gruppo Consiliare del Pd di Sassuolo - Ai quadrati ci sono uffici molto frequentati, per le Attività Produttive, l'Urbanistica e l'Edilizia privata, i Lavori Pubblici, i Tributi; a questi uffici si rivolge un'utenza fragile come quella che chiede i permessi per i disabili".

“A differenza dello sciacallaggio politico messo in campo dal Pd – replica il Sindaco – la Giunta attuale non ha a capo un “Criminale” ma un Sindaco che ha a cuore la sicurezza di chi lavora e dei propri cittadini. Le voci, uscite in questi giorni e che il Pd riporta come fonte, si sono rivelate assolutamente infondate: si è parlato di uffici contaminati, di tanti dipendenti positivi; non è vero nulla. Solamente ieri abbiamo avuto la conferma della positività di due dipendenti, tra l’altro dello stesso ufficio, mentre del terzo stiamo ancora attendendo l’esito del tampone che è stato fatto nella giornata di venerdì 23 ottobre”.

In attesa degli esiti del tampone, già giovedì 22 ottobre non appena emerso il dubbio dovuto alla presenza di sintomi tra alcuni dipendenti comunali, le persone individuate sono state messe in smart working, presso le loro abitazioni, così come tutti i colleghi che hanno avuto contatti più stretti con loro. Nella giornata di venerdì 23 ottobre si è proceduto alla sanificazione non solo dei loro uffici, come previsto dal protocollo, ma in via precauzionale anche di tutta la sede de I Quadrati che è rimasta, per questo motivo, chiusa al pubblico nel pomeriggio di venerdì 23 e nella giornata di sabato 24 ottobre per poi riaprire regolarmente lunedì 26 ottobre. Tutto il personale de I Quadrati è stato avvisato e la presenza, pur garantendo i servizi essenziali e programmati, è limitata al 50%, il restante personale opera in smart working. Dopo aver ricevuto, nella giornata di ieri, la conferma della positività al tampone, è stato fatto compilare ai due dipendenti un elenco di persone incontrate a partire dalle 48 ore precedenti l’insorgenza dei sintomi; elenco che verrà fornito all’Ufficio di Igiene Pubblica per il necessario tracciamento.

“Assolutamente falsa – aggiunge il Sindaco – è poi l’accusa di sottovalutazione del problema e della mancanza di procedure di sicurezza. Presso la sede de I Quadrati si accede solamente su appuntamento, dal mese di Marzo, e la porta chiusa viene aperta da un dipendente che regola entrate ed uscite in modo da non fare incrociare le persone, misurando la temperatura di chi entra anche se il protocollo non lo prevede. All’ingresso è apposto un cartello, come per gli esercizi commerciali, che chiarisce il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente in spazi tanto grandi: 6 persone al massimo. I primi pannelli di plexiglass, in grado di separare il personale dagli utenti, sono stati istallati il 13 marzo scorso e tutti i front office ne sono dotati. Giornalmente viene effettuata l’igienizzazione di tutti i servizi e di tutti i front office. Misure che vanno ben oltre quanto prescritto dai protocolli ma che vanno nella direzione di offrire una sicurezza maggiore a tutti i dipendenti ed a tutti i cittadini che devono recarsi presso gli uffici”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

  • Contagio a Modena, 573 nuovi casi e 7 decessi. Ricoveri stabili

Torna su
ModenaToday è in caricamento