menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Solidarietà, dalla Fondazione BSGSP cinquemila euro per la Caritas di Nonantola

Il denaro servirà all'acquisto di grandi elettrodomestici destinati alle famiglie colpite dall'alluvione del 6 dicembre

Mercoledì 16 dicembre il Consiglio della Fondazione BSGSP, appositamente riunito, ha deliberato una donazione di 5mila euro a favore della Caritas parrocchiale di Nonantola con l’intento di portare un aiuto concreto alle moltissime famiglie colpite dall’esondazione del fiume Panaro, avvenuta il 6 dicembre scorso.

L'iniziativa è nata in collaborazione con la Caritas diocesana modenese e consentirà attraverso la sede  parrocchiale della stessa Caritas di Nonantola di acquistare e donare alle famiglie più bisognose grandi elettrodomestici, come frigoriferi e lavatrici, irrimediabilmente danneggiati dall’acqua, entrata in  quell’occasione rovinosamente anche all’interno di molte abitazioni. Si calcola che siano circa tremila le  famiglie che hanno avuto seri danni dall’alluvione.

La donazione è stata simbolicamente consegnata mercoledì 23 dicembre al parroco di Nonantola don Alberto Zironi dal Presidente della Fondazione Claudio Rangoni Machiavelli e dal Responsabile della Direzione Territoriale Emilia Adriatica di Banco BPM Stefano Bolis.

“Si tratta di un contributo che intende alleviare, almeno in parte, le difficoltà di chi quel giorno ha subito  ingenti danni economici e morali e che attesta ancora una volta la nostra vicinanza al territorio e alle sue  esigenze” – ha spiegato Claudio Rangoni Machiavelli. “Si tratta per tutti di un momento delicato sotto molti  punti di vista e sicuramente non facile da affrontare, ma come Fondazione e istituto di credito radicato fin dalla nascita in queste zone cerchiamo di aiutare, con un aiuto tangibile, le nostre popolazioni”.

“Siamo grati alla Fondazione BSGSP per questo gesto di attenzione, che ci consentirà di offrire un ulteriore  segno di vicinanza alle famiglie della nostra Comunità, messe alla prova dalla esondazione del 6 dicembre  scorso” – ha commentato don Alberto Zironi. “Abbiamo avuto tante manifestazioni concrete di solidarietà in  questi giorni, che ci hanno dato slancio per ripartire. Molto resta ancora da fare, ma contiamo sul sostegno che ancora arriverà da parte di tante persone e istituzioni”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagio, oggi 379 casi e 7 decessi in provincia di Modena

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento