Nuove strumentazioni per l'Urologia di Mirandola grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio

Grazie ai cinque cistoscopi donati si aggiunge una nuova prestazione nell’offerta di citodiagnostica urinaria, di cui il Santa Maria Bianca è tra le principali sedi in provincia

L’attività ambulatoriale urologica dell’Ospedale di Mirandola rinnova la propria offerta, aggiungendo alla gamma di prestazioni anche l’esecuzione della cistoscopia transuretrale. Una novità resa possibile dall’acquisizione di due cistoscopi rigidi e tre flessibili, per un valore complessivo di oltre 50.000 euro, donati dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola.

La prima seduta di cistoscopia è stata effettuata lunedì scorso: la programmazione autunnale del blocco operatorio prevede due sedute settimanali pomeridiane da 10 indagini endoscopiche ciascuno, eseguite dall’équipe medica della Struttura complessa di Urologia dell’Area Nord diretta dal dottor Fabio Manferrari.

Il Santa Maria Bianca si conferma così tra le principali sedi per la citodiagnostica urinaria, grazie a strumentazioni di avanguardia e volumi di attività che garantiscono presso il Laboratorio di citopatologia, diretto dalla dottoressa Nazzarena Bigiani, l’analisi dei campioni provenienti da gran parte dei distretti della provincia.

Grazie a questa donazione si arricchisce la dotazione strumentale e tecnologica del Santa Maria Bianca – afferma Giuseppe Licitra, Direzione medica dell’Ospedale di Mirandola –, innalzando il livello dell’offerta assistenziale e offrendo ai cittadini del territorio la possibilità di eseguire nuove indagini endoscopiche nel proprio ospedale di riferimento. Un ulteriore passo nell’ottica di una sanità di prossimità, obiettivo che l’Azienda sta perseguendo con convinzione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La cistoscopia transuretrale, l’indagine eseguita con l’ausilio dei nuovi strumenti donati, è una procedura endoscopica finalizzata in particolare alla diagnosi delle lesioni della vescica e delle vie urinarie: permette infatti l'ispezione visiva delle pareti della vescica, del collo vescicale e dell'uretra. Non richiede anestesia generale. L’esame è indicato in diverse circostanze, tra cui presenza di sangue nelle urine, disturbi della minzione di tipo irritativo ed ostruttivo, calcolosi vescicale, o per consentire lo studio delle neoformazioni vescicali emerse nel corso di precedenti esami di diagnostica per immagini o sulla base di esami citologici o di test urinari o ematici con marcatori specifici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piatto dell'anno 2021, Massimo Bottura sperimenta e vince ancora

  • Castelvetro, motociclista si scontra con un trattore e perde la vita

  • Rapina nella villa di Luca Toni, famiglia legata e minacciata con la pistola

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Nuovo Dpcm a breve: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Contagi, 123 casi nel modenese: 2 in Terapia Intensiva. Quattro decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento