menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Befana in anticipo per i bambini del Policlinico, giocattoli e attrezzature donati da privati

Giocattoli per bambini, ceste per genitori e un pulsossimetro: ecco i doni di un'azienda di Spilamberto e una coppia di privati cittadini. Tutto nasce dal "desiderio di fare qualcosa per gli altri"

È arrivata con quasi una settimana di anticipo, la Befana per i bambini ricoverati al Policlinico. Oggi, infatti, venerdì 28 dicembre, la ditta L.A. Impianti di Spilamberto ha consegnato giocattoli per i bambini ricoverati nel reparto di Oncoematologia Pediatrica e cesti regalo per i loro genitori.

Sempre oggi, una coppia di privati cittadini, Luca Degli Esposti e sua moglie Francesca Grazia, accompagnati dalla loro figlia Ginevra, hanno consegnato un Pulsossimetro palmare RAD-57 che verrà utilizzato per la Chirurgia Pediatrica e per l’Accettazione Pediatrica. I donatori sono stati accolti dal prof. Lorenzo Iughetti, Direttore della Struttura Complessa di Pediatria e di Oncoematologia Pediatrica e del Dipartimento Materno-Infantile, dalla dottoressa Monica Cellini, Referente dell’Oncoematologia Pediatrica, dalla dottoressa Anna Rita Di Biase, pediatra del reparto e da Francesco Allegretti, coordinatore infermieristico del reparto. Con loro, una rappresentanza di medici e infermieri in formazione. Tutti hanno voluto ringraziare i donatori.

“L’idea di donare questi giocattoli e questi cesti – ha spiegato Albano Licaj, titolare della L.A. Impianti, accompagnato dalla sorella Ornela e dalla cognata Edona Rexhepi – è nata dal desiderio di fare qualcosa per gli altri. Mia cognata ha svolto il tirocinio in infermieristica proprio qui in Oncoematologia Pediatrica e per questo ci è sembrato naturale rivolgerci alla struttura del Policlinico. Spero che possa essere il primo passo per altre donazioni.”

Il pulsossimetro – ha spiegato Francesco Allegretti – consente di monitorare con semplicità l’ossigenazione del sangue e la frequenza cardiaca. È grande come il palmo di una mano, portatile e facile da usare. Per questo motivo si presa a un vasto utilizzo tra i nostri bambini in particolare quelli ricoverati nella degenza di Chirurgia Pediatrica, che devono rimanere a letto più spesso, oppure in Accettazione Pediatrica, dove arrivano le urgenze.”

“Abbiamo deciso di aiutare il Policlinico – hanno spiegato Luca e Francesca – perché siamo stati ospiti della Pediatria e volevamo ringraziare tutti per il lavoro che hanno svolto, un lavoro che abbiamo toccato con mano. Questa donazione è il nostro modo per ringraziare tutto il personale.”

"È bello – ha concluso il prof. Iughetti – vedere come due storie diverse, quella del titolare della L.A. impianti e quella di Luca e Francesca, siano unite dal desiderio di aiutare i nostri bambini. Grazie davvero a tutti.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagi, 98 casi nel modenese. Sei ricoveri e due decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento