Nasce il maxi Ordine delle professioni sanitarie, al voto 3 mila modenesi e reggiani

L’organismo riunisce 19 professionisti della sanità (eccetto medici e infermieri, che hanno già i loro Ordini). Dal 6 all'8 dicembre le prime elezioni interne

Modena è una delle prime province italiane – insieme a Reggio Emilia – in cui nasce il nuovo maxi Ordine della professioni sanitarie. L’acronimo è piuttosto complicato: Fnoptsrmpstrp (Federazione nazionale ordini provinciali tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e prevenzione).

L’organismo riunisce 19 professionisti della sanità (eccetto medici e infermieri, che hanno già i loro Ordini), afferenti a 19 diversi albi. Si tratta dei tecnici sanitari di laboratorio biomedico, audiometristi, audioprotesisti, tecnici ortopedici, dietisti, tecnici di neurofisiopatologia, fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, igienisti dentali, fisioterapisti, logopedisti, podologi, ortottisti e assistenti di oftalmologia, terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, tecnico della riabilitazione psichiatrica, terapisti occupazionali, educatore professionali, tecnico della prevenzione nell’ambiente e luoghi di lavoro, assistenti sanitari, tecnici sanitari di radiologia medica. In Italia sono quasi 200 mila operatori, mentre tra Modena e Reggio sono oltre 3 mila e vanno al voto in questi giorni per eleggere i propri rappresentanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le elezioni si svolgono venerdì 6 dicembre a Reggio (ore 16-19 centro internazionale Loris Malaguzzi), sabato 7 dicembre a Baggiovara di Modena (ore 9.30-12.30 hotel RMH Modena des Arts) e domenica 8 dicembre a Rubiera (ore 9-12 La Corte). Compiti del nuovo Ordine sono la difesa dell’autonomia professionale, il progresso culturale degli iscritti, la lotta all’abusivismo delle professioni. Tutti i professionisti regolarmente abilitati che intendano esercitare una professione sanitaria in qualunque forma giuridica, hanno l’obbligo di iscriversi da subito all’albo professionale di riferimento. Il rischio per chi svolge attività professionale senza essere iscritto è incorrere nel reato di esercizio abusivo della professione, per il quale la legge n. 3/2018 (cosiddetta “legge Lorenzin”) ha inasprito pene e sanzioni. Questo a tutela non solo dei professionisti regolarmente iscritti, ma soprattutto degli utenti che si sottopongono a trattamenti sanitari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Nubifragio e allagamenti, disagi lungo la Pedemontana per gli smottamenti

  • Malore durante il bagno, turista modenese perde la vita a Rimini

Torna su
ModenaToday è in caricamento