rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Attualità Castelfranco Emilia

Emergenza idrica, scatta la stretta anche a Castelfranco Emilia e Sassuolo

Emessa un’ordinanza urgente dal Sindaco Giovani Gargano e dal Sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani

Emessa a Castelfranco Emilia, a firma del Sindaco Giovanni Gargano, un’ordinanza contingibile e urgente per far fronte all’emergenza idrica in corso. In base a questa nuova disposizione, immediatamente attiva e con scadenza prevista per il prossimo 21 settembre (fatte salve eventuali nuove proroghe), scattano su tutto il territorio delle limitazioni nell’utilizzo dell’acqua potabile.

Più precisamente, non sarà possibile prelevare acqua potabile dalla rete idrica per uso extra-domestico,  in particolare per l’innaffiamento di orti e giardini, e per il lavaggio automezzi, dalle otto del mattino alle 21.00. Non solo. Sempre nella stessa fascia oraria, fino al prossimo 21.09.2022, e sempre salvo eventuale proroga stabilita tramite ordinanza del Sindaco, i prelievi di acqua dalla rete idrica saranno limitati ai soli normali usi in ambito domestico, zootecnico e industriale, e comunque per tutte quelle attività regolarmente autorizzate necessitanti l’impiego di acqua potabile. Inoltre, non sarà possibile riempire né rinnovare l’acqua di piscine private, così come non sarà possibile riempire piscine pubbliche in assenza di espresso consenso del gestore della rete acquedottistica Hera SPA. Contestualmente, si potrà  rinnovare l’acqua di piscine pubbliche solo quando strettamente necessario per preservarne la balneabilità sotto il profilo igienico-sanitario, sentita la AUSL di Modena e acquisito il consenso del gestore della rete acquedottistica Hera SPA.

“Preso atto della grave situazione in cui ci troviamo da un punto di vista meteorologico e, soprattutto, dovendo fare i conti con una seria siccità, come altri miei colleghi ho deciso di agire in questa direzione con la massima urgenza, recependo a mia volta le disposizioni emanate a livello centrale – dichiara il Sindaco di Castelfranco Emilia Giovanni Gargano sottolineando come - le condizioni meteo-idrologiche hanno già determinato gravi situazioni di criticità e rappresentano uno scenario particolarmente gravoso, già dalle prossime settimane, per l’intero territorio, anche a livello regionale e non solo. Anzi - ha concluso - colgo l’occasione per lanciare un appello a tutta la nostra Comunità, che da sempre sa distinguersi in termini di responsabilizzazione, affinchè segua con il massimo rigore e la massima attenzione e scrupolo le indicazioni che ci siamo trovati costretti ad emanare. Ci attendono settimane difficili ed è pertanto fondamentale l’impegno veramente da parte di tutti, proprio per il bene dell’intera Comunità”.

In caso di mancato rispetto delle disposizioni espresse da questa ordinanza, ferma restando l’applicazione delle sanzioni penali ai sensi dell’art. 650 del C.P., si procederà ai sensi di legge con l’applicazione delle sanzioni amministrative da € 25,00 ad € 500,00 da parte degli organi di vigilanza, ai sensi dell’art. 7-bis del D.Lgs. 267/2000. Sarà la Polizia Locale ad occuparsi del controllo dell’osservanza delle nuove regole disposte da questo documento dove, va sottolineato, è stato disposto che rimangano esclusi dai divieti tutti i servizi pubblici di igiene urbana.

Anche a Sassuolo

Stessa ordinanza è stata firmata questa mattina dal Sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani, predisposta da Atersir ed adottata da tutti i comuni, n°61 avente ad oggetto “Limitazione del consumo di acqua potabile nel territorio comunale di Sassuolo per usi non domestici”.

Da oggi e fino al 21/09/2022, salvo eventuale proroga stabilita tramite ordinanza, viene disposto il divieto su tutto il territorio comunale di prelievo dalla rete idrica di acqua potabile per uso extra-domestico nella fascia oraria compresa tra le 8 e le 21, in particolare per:

il lavaggio di aree cortilive e piazzali; il lavaggio domestico di veicoli a motore; l’innaffiamento di giardini, orti e prati; il riempimento di piscine, fontane ornamentali, vasche da giardino; l’attivazione di fontane a getto continuo.

I prelievi di acqua dalla rete idrica nella fascia oraria 8-21 sono consentiti esclusivamente per normali usi domestici, agricoli, zootecnici, industriali e comunque per tutte quelle attività ugualmente autorizzate per le quali sia necessario l’uso di acqua potabile.

È disposto inoltre il divieto su tutto il territorio comunale di usi impropri delle fontane pubbliche, che possono essere utilizzate solo ed esclusivamente per il tempo strettamente necessario per abbeverarsi sul posto o per abbeverare gli animali d’affezione.

Sono esclusi dal campo di applicazione del provvedimento i servizi pubblici di igiene urbana.

In caso di mancato rispetto delle disposizioni, fermo restando l’applicazione delle sanzioni penali ai sensi dell’art. 650 del C.P., si procederà ai sensi di Legge con l’applicazione delle sanzioni amministrative da € 25,00 ad € 500,00 da parte degli organi di vigilanza, secondo quanto disposto dall’articolo 7 bis del D.Lgs. n. 267/2000.

Vista la scarsità di precipitazioni ed il caldo che insiste sulla nostra regione ormai da giorni, la risorsa idrica inizia a scarseggiare tanto che l’ordinanza invita anche la cittadinanza ad un utilizzo corretto e razionale della risorsa idrica, al fine di evitare inutili sprechi e disservizi.

Per ridurre il consumo di acqua potabile si raccomanda pertanto di:

  • controllare il corretto funzionamento dei propri impianti idrici ed irrigui al fine di individuare eventuali perdite occulte;
  • utilizzare in casa dispositivi per il risparmio idrico quali i frangi getto per i rubinetti o i riduttori nelle vaschette del WC;
  • attrezzare i sistemi irrigui del verde con irrigazione a goccia e con sistemi temporizzati e sensori di umidità che evitano l’avvio dell’irrigazione quando non necessario;
  • utilizzare lavatrici e lavastoviglie solo a pieno carico;
  • preferire la doccia all’utilizzo della vasca da bagno;
  • non lasciare scorrere inutilmente l’acqua del rubinetto in occasione di piccole operazioni quotidiane (es. lavaggio dei denti o rasatura);
  • non utilizzare acqua corrente per il lavaggio di stoviglie e verdure, ma solo per il risciacquo ed utilizzare ad es. l’acqua derivante dal risciacquo delle verdure per innaffiare le piante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza idrica, scatta la stretta anche a Castelfranco Emilia e Sassuolo

ModenaToday è in caricamento