menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aeroclub. Alla ricerca della libertà con un ultraleggero sui cieli di Sassuolo

Abbiamo trascorso un pomeriggio all'Aeroclub di Sassuolo, sorvolando le campagne della provincia modenese a bordo di un SILA450c e scoprendo una realtà che spesso resta nell'ombra

Oh libertà! Preziosa, sfuggente, bramata libertà! Ora capisco dov’eri finita! In questi mesi sembravi scomparsa. So che hai molto sofferto: i decreti ti hanno corroso, i colori ti hanno umiliato. Sappi che ti ho cercata in lungo e in largo… non avevo pensato potessi essere in alto. Che sciocca! Dove avresti potuto rifugiarti, se non in cielo? Abbracciata dalle nuvole, riparata dalle montagne; mentre vanitosa ti specchi nelle acque dei mari. Oggi però ti ho trovato: e il nostro viaggio inizia proprio da qui.

Non avendo le ali, per solcare i cieli modenesi – e non solo – siamo partiti dall’Aeroclub di Sassuolo. Ad accoglierci è stato Gigi Barp che, dopo una carriera trascorsa tra aerei da guerra e Ferrari Classiche, di questo Club è diventato Presidente. “Volare è libertà, passione e responsabilità” ci spiega mentre ci dirigiamo verso il SILA450c, l’ultraleggero che di lì a poco ci avrebbe accompagnato nel nostro viaggio alla ricerca della libertà. Stava lì, già fuori dall’hangar, fiero sulle tre ruotine che non vedeva l’ora di staccare da terra: e noi, fantini inesperti di un nobile destriero, ci apprestavamo a soddisfarlo.

VIDEO | "Volare per imparare disciplina e libertà". L'Aeroclub di Sassuolo si espande per i giovani piloti

Saliamo sul mezzo con l’aiuto dell’istruttore di volo, occupando uno dei due posti disponibili. Cinture allacciate, cuffie indossate, macchina fotografica alla mano: siamo pronti a partire. Dopo una breve infarinatura sulle funzioni dei comandi accendiamo i motori. Un rombo, un’elica che inizia a frullare, la velocità con cui percorriamo la pista di lancio che aumenta al ritmo dei battiti del nostro cuore. Siamo decollati.

A mille metri di altezza, stupore, leggerezza, potere e felicità si alternano vorticosamente lasciando poco spazio alla paura. Il nostro Virgilio dei cieli, vantando un’esperienza di migliaia di ore di guida, ci indica alcune delle meraviglie della nostra terra: qua la Pietra di Bismantova, lì il Cimone, poi ecco il Panaro, laggiù l’Aeroclub da cui siamo partiti. Li ammiriamo, planando dolcemente prima su uno, poi sull’altro, e la visuale a 180° che la cabina di pilotaggio permette, rende tutto incredibilmente facile. Viaggiamo ad una velocità di 170km/h, eppure la stabilità è massima: merito anche della professionalità dell’istruttore, cui il volo ha insegnato rigore, attenzione, scrupolosità in ogni azione. Dopo un vero e proprio viaggio, durato soltanto una manciata di minuti, torniamo verso l’Aeroclub da dove eravamo partiti; e - inforcata la direzione giusta - atterriamo, servendoci solo di qualche decina di metri. Il nostro obiettivo è stato raggiunto: abbiamo trovato la libertà.

Ad attenderci è ancora una volta Gigi, che freme per sapere i nostri “commenti a caldo”. Commenti che, inevitabilmente, non possono che essere estremamente positivi. Dopo avere provato sulla nostra pelle l’esperienza di volo, cerchiamo di indagare la realtà dell’Aeroclub, e proviamo a capire quali sono le motivazioni che spingono - o frenano - le persone a prenderne parte.

Tutti possono volare, benvenuti (soprattutto) i giovani

L’Aeroclub di Sassuolo, offrendo corsi di vari livelli per il pilotaggio di aerei ultraleggeri, apre le porte a tutti: anziani, adulti e – soprattutto – giovani a partire dai 16 anni. Diciamo “soprattutto”, perché Gigi ci fa notare che spesso i giovani, non conoscendo questa realtà, non la prendono realmente in considerazione; facendo registrare un’età media di 55 anni tra i frequentatori dell’Aeroclub. È assurdo infatti pensare che ci si possa accontentare di simulatori di volo virtuali, quando c’è la possibilità di farlo veramente a due passi da casa. E se i giovani, in generale, sono benvenuti; ancora di più lo sono le donne: oggi, su 9 allievi, si contano soltanto due ragazze, ma l’augurio è che si possa arrivare a creare un'intera classe a loro dedicata.

Passione da ricchi: sfatiamo il mito

Gigi ci spiega che spesso, a disincentivare i potenziali piloti, contribuisca l’erronea convinzione che volare sia una passione da ricchi. Sicuramente, l’investimento iniziale non è da sottovalutare: un corso base, abilitante al pilotaggio di un monoposto, costa all’incirca tremila euro. Una volta acquisita la licenza però, non è strettamente necessario comprare un velivolo (acquistabile comunque ad un prezzo di poco superiore a quello di una berlina): all’Aeroclub di Sassuolo infatti è possibile noleggiarlo. Il consumo infine, è paragonabile a quello di un’automobile: un’ora di volo (che copre la distanza, per fare un esempio, Sassuolo – Firenze) verrebbe a costare meno di cinquanta euro.

Il Club, tra presente e futuro

Ad oggi l’Aeroclub di Sassuolo conta 35 ultraleggeri, ma – conformemente alle richieste sempre crescenti, dettate in modo particolare dalla posizione strategica, dal punto di vista logistico, in cui si trova – si spera di poter ampliare l’hangaraggio per arrivare ad una capienza di 50 mezzi.

Nonostante i tempi difficili, l’attività del club continua ancora oggi adattandosi alle necessità che la situazione sanitaria impone: lezioni teoriche a distanza e sanificazione dell’aereo per le pratiche in presenza per quanto riguarda i corsi, e rinuncia a qualche momento di convivialità.

L’obiettivo principale del Club è da sempre quello di permettere ad una comunità di persone di condividere la loro passione comune: il volo. Per il futuro, la speranza è quella di riuscire ad accrescere questo gruppo, puntando in modo particolare sui giovani, affinché la pista di lancio possa “farli decollare”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 1.151 nuovi positivi in regione. Modena prima provincia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento