Attualità

Puzza a San Cesario, depositata una nuova denuncia contro ignoti

Lo stallo di Comuni, Regione ed Enti sulla questione dei miasmi che da tempo invadono l'abitato di San Cesario ha mosso di nuovo un gruppo di cittadini, che per la seconda volta in un anno e mezzo, coordinati nuovamente dal consigliere comunale Mirco Zanoli (Rinascita Locale) si sono fatti promotori di una denuncia-querela verso ignoti presso la Tenenza dei Carabinieri di Castelfranco Emilia.

L'avvocato Antonio Giardina, che ha curato il documento, spiega: "Questo procedimento farà seguito alla denuncia-querela presentata nel corso del 2019  innanzi alla Procura della Repubblica di Modena, in relazione ai miasmi ed immissioni odorigene moleste e disturbanti percepite negli anni dagli abitanti dei Comuni di San Cesario sul Panaro e Spilamberto, denuncia che ha determinato l'avvio di un procedimento penale la cui attività di indagine risulta ancora in corso, con audizione, fra l'altro, dei denuncianti quali persone informate sui fatti."

Le puzze purttoppo continuano ad essere ben percepite dalla popolazione, come confermato anche in una serie di tavoli tecnici svoltisi alla presenza di ARPAE PTR Emissioni Industriali (PTR) e Servizio Territoriale (ST) - A.P.A. Centro - Modena, ARPAE S.A.C. di Modena, AUSL di Modena, Comune di San Cesario sul Panaro e Comune di Spilamberto. In tali tavoli tecnici, peraltro, non solo è confermata l'esistenza di tali emissioni odorigene, ma viene individuata inequivocabilmente anche l'origine della stessa, l'azienda Far Pro si Spilamberto.

"Per l’ennesima volta i cittadini per cercare una soluzione devono attivarsi e spendersi in prima persona, questo per la manifesta incapacità politica di chi ci dovrebbe tutelare ma lo fa solo a chiacchiere, ciò a nostro giudizio è molto grave, ma come si può apprezzare dalle nostre azioni non molliamo e con i fatti siamo assolutamente determinati a vedere finalmente risolta la gravosa questione", chiosa Zanoli.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Puzza a San Cesario, depositata una nuova denuncia contro ignoti

ModenaToday è in caricamento