menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Eurosets dona 10 defibrillatori al comune di Medolla

L’azienda del distretto biomedicale aderisce all’iniziativa “Medolla Cardioprotetta” con l’obiettivo di una diffusione capillare di dispositivi “salvavita” in caso di emergenze

Eurosets, azienda con sede a Medolla e specializzata nella progettazione, produzione e commercializzazione di dispositivi biomedicali, ha aderito al progetto “Medolla Cardioprotetta” con l’obiettivo di raccogliere fondi per l’acquisto e l’installazione di defibrillatori  in luoghi pubblici, tra cui le scuole.

Ed oggi Eurosets ha donato 10 defibrillatori al comune di Medolla

“Il progetto "Medolla Cardioprotetta" è un significativo esempio di collaborazione civica, dove accanto alle nostre associazioni ed ai singoli cittadini, si sono affiancate in modo attivo le imprese del comparto produttivo locale – ha dichiarato il sindaco di Medolla Alberto Calciolari – . Sono queste le azioni che lasciano un segno tangibile ed un insegnamento alle nuove generazioni sul valore del bene comune e della sostenibilità sociale nel nostro territorio: un prezioso valore per un futuro migliore. Non è quindi la donazione in sé, ma lo spirito del dono la dimensione fondamentale per il sistema di welfare locale, per la coesione sociale e la crescita civile e morale della nostra comunità”.

L’iniziativa, lanciata nel novembre del 2019, ha visto concretizzarsi la volontà del comune di Medolla di una diffusione sul territorio dei defibrillatori, dispositivi “salvavita”.

“In caso di emergenze legate a patologie del ritmo cardiaco, il ripristino del ritmo stesso in tempi brevi aumenta la percentuale di sopravvivenza del paziente. L’efficacia del primo soccorso è dunque correlata alla disponibilità di defibrillatori e alla velocità di intervento dei cittadini. L’utilizzo di questi device automatici è infatti estremamente semplice cosicché qualsiasi soccorritore volontario possa intervenire: è il defibrillatore stesso ad eseguire lo studio del ritmo e a decidere se c’è o meno l’indicazione alla defibrillazione – commenta la Dott.ssa Elisa Mikus, cardiochirurgo presso Maria Cecilia Hospital di Cotignola (RA) –. La diffusione capillare sul territorio può solo dare esiti positivi nella pronta gestione dei pazienti in emergenza. Lo confermano anche i responsabili territoriali del 118: l’aumento della distribuzione di defibrillatori automatici ha aiutato la gestione delle emergenze in questo campo”.

I dispositivi donati da Eurosets e dai sostenitori dell’iniziativa verranno installati nei prossimi giorni e verrà inoltre elaborata una mappa con la loro dislocazione. Per quanto riguarda la formazione, la Croce Blu sta già organizzando corsi sul corretto utilizzo dei defibrillatori, a cui potranno accedere tutte le persone interessate.

“In Italia si stima che siano oltre 60mila le persone colpite da arresto cardiaco ogni anno – commenta Antonio Petralia, Vice Presidente e Amministratore Delegato di Eurosets –. La sopravvivenza di queste sale dal 5% al 30% grazie all’intervento con i defibrillatori (DAE) presenti sul territorio. Siamo orgogliosi di poter offrire il nostro contributo in questo importante progetto fortemente voluto dall’amministrazione comunale. Questa iniziativa rientra all’interno del progetto di Eurosets, di investire maggiormente nell’ambito della sostenibilità sociale ed in particolare negli aspetti legati alla salute, in quanto la salute non va vista come un costo ma è un investimento per l’intera collettività e pertanto va presidiata”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ferrari, a maggio apre il ristorante Cavallino di Maranello

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento