rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Attualità

Eutanasia legale, anche Vasco Rossi firma per il referendum

Il rocker, che aveva già donato i diritti della sua canzone alla campagna, chiama i suoi fans. Intanto la raccolta si avvicina al traguardo delle 350.000 firme

Anche Vasco Rossi ha firmato per il referendum sull’Eutanasia Legale promosso dall’Associazione Luca Coscioni. Uno dei rocker più amati dagli italiani si è recato presso uno dei tavoli disponibili a Modena accompagnando la firma con l’esclamazione: “Liberi liberi… fino alla fine. Grazie”. Il sostegno di Vasco Rossi alla campagna era già noto. Il musicista infatti aveva già ceduto i diritti del suo brano, uno dei più amati, “Vivere” per lo spot della campagna ideato dal creativo Avy Candeli, un corto in cui il protagonista, nonostante sia circondato in una bella casa dall'affetto dei suoi cari, si trova in una condizione di malattia irreversibile che lo porterebbe a voler "stare spento".

Prima di lui altri testimonial eccellenti avevano manifestato pubblicamente l’adesione alla campagna referendaria, come Maurizio Costanzo, Fedez, Chiara Ferragni, Selvaggia Lucarelli, Giuseppe Cruciani, Giobbe Covatta, Pupo… Al 4 agosto sono almeno 78 i sindaci che hanno aderito alla campagna referendaria, tra cui Chiara Appendino (Torino), Virginio Merola (Bologna), Luigi De Magistris (Napoli), Federico Pizzarotti, (Parma), Leoluca Orlando (Palermo), Giuseppe Falcomatà (Reggio Calabria), Matteo Biffoni (Prato) Carlo Salvemini (Lecce), Gian Carlo Muzzarelli (Modena).  83 in tutto i consiglieri regionali, 704 tra consiglieri, assessori comunali, presidenti e vicepresidenti di circoscrizione.

Il Comitato promotore del Referendum per l’Eutanasia Legale intanto rende noto di aver superato con le sole firme raccolte ai tavoli (alle quali andranno aggiunte quelle raccolte nei Comuni) quota 320mila adesioni, delle 500.000 necessarie entro il 30 settembre per convocare il referendum.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eutanasia legale, anche Vasco Rossi firma per il referendum

ModenaToday è in caricamento