Task force governativa per la fase 2, c'è anche il modenese Starace

Lo psichiatra dell'Ausl di Modena farà parte del tam di esperti. Da un anno è anche membro del Consiglio superiore di sanità

C'è anche Fabrizio Starace, direttore del dipartimento di Salute mentale dell'Ausl di Modena  e ideatore dal 2010 di "Mat, Settimana della salute mentale", nel comitato di esperti del Consiglio dei ministri, guidato da Vittorio Colao, che avrà il compito di accompagnare l'Italia verso la cosiddetta fase 2 dell'emergenza. Di concerto con il comitato tecnico-scientifico, la task force dovrà elaborare le misure necessarie per una ripresa graduale nei diversi settori delle attività sociali, economiche e produttive, anche attraverso l'individuazione di nuovi modelli organizzativi e relazionali, come ha rimarcato il Governo.

Starace, direttore del dipartimento di Salute mentale e dipendenze patologiche dell'Ausl modenese nonchè presidente della Società italiana di epidemiologia psichiatrica (Siep), è stato nominato nel 2019 membro del Consiglio superiore di sanità. 

Accanto a una lunga esperienza in istituti di ricerca nazionali e internazionali, tra cui l'Organizzazione mondiale della sanità, Starace ha indirizzato appunto il proprio impegno professionale sui temi dell'innovazione organizzativa e gestionale nel sistema di cura per la salute mentale. Da sempre convinto sostenitore della "contenzione zero", ha promosso, da pioniere, l'azzeramento degli episodi di coercizione fisica nei reparti ospedalieri e residenziali, pubblici e privati, nell'Ausl di Modena.

(DIRE)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento