Incendi boschivi, scatta la fase di attenzione Sala operativa regionale h24

Attivi da lunedì anche i volontari per gli avvistamenti. Al via anche una campagna di sensibilizzazione per informare i cittadini. Per emergenze contattare i numeri 115 o 1515

In Emilia-Romagna scatta da lunedì  luglio la fase di attenzione per gli incendi nei boschi, così come prevede l’apposito Piano regionale. Attenzione che, in base all’eventuale peggioramento delle condizioni metereologiche, può trasformarsi - in accordo con le istituzioni interessate e il volontariato - in “stato di grave pericolosità” con divieto assoluto di accendere fuochi o strumenti che producano fiamme, e sanzioni a carico dei trasgressori aumentate.

Per informare tutti i cittadini, l’Agenzia regionale di Protezione civile ha messo a disposizione un breve filmato, volantini e manifesti per fare conoscere come si sviluppano, come evitarli e cosa fare in caso di incendio nei boschi.

numeri gratuiti da contattare per segnalare gli incendi sono il 115 (pronto intervento del dipartimento dei Vigili del fuoco, del Soccorso pubblico e della Difesa civile) e il 1515 (pronto intervento dei Carabinieri forestale).

E sempre da lunedì 1^ luglio aprirà a Bologna (viale Silvani 6, Bologna) anche la Soup, la Sala operativa unificata permanente presso l’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la Protezione civile.

La Sala, che resterà attiva fino al 3 settembre, sarà operativa tutti i giorni dalle 8 alle 20 e in orario notturno con servizio di reperibilità, come deciso dall’Agenzia regionale in accordo con Vigili del fuoco, Carabinieri forestale, Arpae -Servizio Idro-Meteo-Clima.

Dal 1^ luglio prenderanno il via anche le attività pianificate del volontariato - avvistamenti mobili e fissi -, a supporto delle unità dei Vigili del fuoco e dei Carabinieri forestale, che a loro volta innalzeranno il livello di controllo del territorio per la prevenzione e la repressione delle azioni illecite.

I servizi territoriali dell’Agenzia regionale di Protezione civile saranno impegnati anche nell’attività verso Comuni e Unioni dei Comuni, di divulgazione delle opportune azioni di prevenzione e informazione sui fattori di rischio per incendi boschivi, il che potrà avvenire anche mediante interventi mirati alla salvaguardia del patrimonio boschivo e alla manutenzione delle aree limitrofe.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato il 16enne scomparso da Finale Emilia, sta bene

  • IQOS e sigarette elettroniche, presentato a Modena il primo studio sulla salute umana

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Morto a soli 37 anni Giuseppe Loschi, medico del Modena Fc

  • Muore sulla panchina del parco delle Rimembranze, inutili i soccorsi

  • Benefici delle piante grasse: 5 motivi per cui averle favorisce la salute

Torna su
ModenaToday è in caricamento