rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Attualità San Faustino / Via G. Luosi

Istituto Fermi, i sindacati contro il cantiere: “Non è sicuro, lezioni a rischio”

Le sigle sindacali modenesi della scuola firmano una nota congiunta per denunciare la situazione di via Luosi. Stasera assemblea del personale

“Non ci sono le condizioni minime di sicurezza per una ripresa regolare delle lezioni all’Istituto Fermi di Modena”. A denunciarlo sono le sigle Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals/Confsal e Gilda/Unams, insieme alla Rsu.

Da diversi mesi nei locali della scuola è attivo un cantiere i cui lavori stanno apportando importanti interventi strutturali: non si tratta di ordinaria manutenzione, ma di lavori pesanti e impattanti che vanno dalle fondamenta al soffitto dell’edificio, per l'efficientamento sismico. Questo comporta la completa inagibilità di parte dell’edificio e conseguentemente l’impossibilità di utilizzare parte delle aule e dei laboratori.

“A oggi la scuola non dispone di nessuna certificazione che possa permettere un rientro anche solo parziale – attaccano i sindacati - Va detto con chiarezza che anche qualora le certificazioni arrivassero entro il 15 settembre, ciò comunque non consentirebbe una ripresa regolare delle lezioni e delle attività: sarebbe infatti necessario circoscrivere diverse aree con delle paratie e non sarebbe utilizzabile l’ingresso principale. Per l’ingresso si dovrebbero utilizzare due piccole porte secondarie (larghe poco più di un metro) situate su una strada laterale, e gli stessi ingressi rappresenterebbero poi l’unica via di fuga in caso di emergenza. E’ inammissibile pensare che in un luogo frequentato da centinaia di persone gli ingressi possano essere rappresentati da due piccole porte e che quelle stesse porte debbano rappresentare l’unica via di fuga in caso di emergenza. L’uscita di sicurezza infatti, sempre a causa dei lavori, non sarebbe concretamente praticabile".

L’istituto Fermi ha 1.200 studenti iscritti, oltre a più di 100 unità di personale tra docenti e Ata. Già oggi parte delle aule e dei laboratori sono ospitati presso la succursale di via Formigina. In tutto, tra i due plessi, la scuola ha 56 classi. Nella più ottimistica delle ipotesi, di queste 56 classi solo 25 possono essere ospitate in condizioni di sicurezza nei due plessi, sede principale di via Luosi e succursale di via Formigina. "Per le rimanenti 21 non ci sono spazi idonei e sicuri", continuano i sindacati, che parlano di un fatto "inedito e gravissimo".

"Tra l’altro nelle scorse settimane i lavori hanno subito un periodo di forte rallentamento. Più volte sono state avanzate segnalazioni in tal senso alla Provincia di Modena e più volte è stata chiesta l’attivazione di un piano di riserva nel caso in cui i lavori avessero subito un ritardo. Dai nostri riscontri risulta che tutte queste richieste e sollecitazioni reiterate di aiuto e di intervento non abbiano avuto riscontro. Si tratta di una situazione gravissima, inspiegabile e ingiustificabile".

Questa sera, dalle 19,30 si terrà un’assemblea straordinaria e urgente di tutto il personale organizzata da Rsu e Sindacati per fare il punto sulla situazione. A fronte di questa gravissima situazione le Rsu e le Organizzazioni Sindacali chiedono con la massima urgenza al presidente della Provincia di Modena di convocare un incontro con le rappresentanze dei lavoratori, l’amministrazione scolastica e una rappresentanza delle famiglie.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Istituto Fermi, i sindacati contro il cantiere: “Non è sicuro, lezioni a rischio”

ModenaToday è in caricamento