Giovedì, 29 Luglio 2021
Attualità

Festival Cabaret Emergente riempie il Teatro Storchi. Vince il milanese Juri Primavera

I 25 anni del Festival Cabaret Emergente sono stati festeggiati con un Teatro Storchi riempito fino in piccionaia e con sette comici talentuosi

Si è concluso ieri sera con la Finalissima al Teatro Storchi il Festival Cabaret Emergente che ha compiuto nell'edizione 2018 ben 25 anni. Il progetto di Riccardo Benini ha portato sul palco anche quest'anno grandi artisti del mondo della comicità, con eterogeneità umoristica, infatti si è passati dal ballo al monologo, dai giochi di ombre a quelli basati sui disegni. Tanti i mod per far ridere, in una serata che ha visto protagonisti tre ospiti di fama nazionale, ovvero la cantante Alexia, il comico Giovanni D'Angella e un altra star dell'umorismo italiano che ha fatto ridere per venti minuti consecutivi il pubblico, ovvero Dario Versassola. Il tutto anticipato da una performance stretiposa dell'attore modenese Andrea Ferrari. 

I vincitori

A vincere la 25°esima edizione del Festival è stato il milanese Juri Primavera che ha conquistato tutti con il suo umorismo non da bar, ma nel bar, infatti il suo personaggio è un barista succube dei cambiamenti alimentari di questi ultimi anni, dai vegani ai vegeterania passando per gli ariani, ovvero quelli che si cibano solo di aria. Secondo posto al maestro delle ombre cinesi umoristiche, Oscar Strizzi, che ha vinto anche il Premio della Stampa, e poi Superzero da Monza con la sua comicità magica, insieme al Trio I Vanofossati da Rvenna, Roma e Genova. 

Il nostro giudizio sui finalisti

Alto il livello attoriale dei finalisti, tutti preparati e tutti hanno catturato l'attenzione del pubblico, tuttavia alcuni hanno colpito più di altri. Condividiamo la scelta del vincitore, ovvero uno Juri Primavera che ha saputo non solo intrattenere, ma anche far riflettere su quanto il mondo sia cambiato nella sua quotidianità, e crediamo sia importante che la comicità rifletta sui tempi che vive. Il secondo posto lo avremmo dato a pari merito a Oscar Strizzi con le sue ombre comiche e al Trio I Vanofossati. Strizzi se lo merita perché ha saputo prendere un'idea abbastanza diffusa nel mondo dei Talent, ma ricamarla in chiave comica, mentre il Trio si merita tanta ammirazione perché ha creato un modo originale e divertente per trasmettere la cultura, ancor più cultura italiana facendo ridere con una poesia di D'Annunzio.  Infine vogliamo omaggiare Giulia Trippetta, non tanto per la sua performance che ha fatto sì ridere ma meno strutturata rispetto ai tre prima cittati, ma per la sua capacità attoriale che forse arriva a pari merito con quella di Juri. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festival Cabaret Emergente riempie il Teatro Storchi. Vince il milanese Juri Primavera

ModenaToday è in caricamento