Finale Emilia, arrivano i bidoni dell'indifferenziato con microchip

L'assessore Borgatti: "Abbiamo raddoppiato in quattro anno i rifiuti riciclati"

Anche il Comune di Finale Emilia dal 5 Novembre si adeguerà alla sostituzione degli attuali bidoni dei rifiuti indifferenziati a quelli con microchip, che entreranno in funzione dal 1 Gennaio 2021. L'Amministrazione è passata ad inizio legislatura dal sistema di raccolta dei rifiuti tradizionale a quello porta a porta, che ha consentito un incremento delle quantità di rifiuti riciclate dal 54% di quattro anni fa all'attuale 90%.

I bidoni con microchip prevedono un quantità di scarichi annuale già pagata nella bolletta e calcolata in base al numero dei componenti del nucleo familiare, facendo risparmiare rispetto al passato i cittadini che non supereranno tale quota. Dal 5 Novembre arriverà a tutte le famiglie finalesi una lettera contenente le informazioni relative a tale cambiamento, nonché il luogo e la settimana in cui potranno ritirare il loro nuovo bidone con microchip.

"L'introduzione del sistema porta a porta fortemente voluto dall'attuale Amministrazione – spiega l'Assessore all'ambiente, Gianluca Borgatti – ha consetito di raddoppiare la quantità di rifiuti riciclati, tanto che oggi Finale Emilia è 11 punti sopra la media provinciale. Inoltre i bidoni con microchip consentono ai cittadini che non supereranno la quota annuale di scarichi di risparmiare sulla bolletta."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

  • Coronavirus, scendono i casi attivi e i ricoveri in regione. Modena conferma il calo

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

Torna su
ModenaToday è in caricamento