Covid. Importante finanziamento per uno studio Unimore su fattori predittici e danni cronici polmonari

Il progetto di ricerca, coordinato dal prof. Carlo Salvarani, ha ottenuto il finanziamento di oltre 700.000 Euro dal Ministero della Sanità. Nato da una collaborazione tra l’Azienda USL-IRCCS di Reggio Emilia e Unimore, vede la partecipazione delle Aziende Ospedaliero-Universitarie di Modena, di Parma e Monza e l’IRCCS Istituto Auxologico di Milano

Il progetto dal titolo “Alterazioni dell'endotelio, dei neutrofili e del complemento associate al danno acuto e cronico nella polmonite COVID-19 integrate con approcci di machine learning” è uno dei 10 progetti nazionali finanziati dal Ministero della Sanità nell’ambito del Bando Ricerca Covid-19. Nella graduatoria finale è stato riconosciuto come quarto migliore progetto nazionale dopo la valutazione di esperti, anche internazionali, e il finanziamento ottenuto dal Ministero della Sanità è pari a 738.536,36 Euro.

Il progetto nasce da una collaborazione tra l’Azienda USL-IRCCS di Reggio Emilia e Unimore con la partecipazione delle Aziende Ospedaliero - Universitarie di Modena, Parma e Monza e l’IRCCS Istituto Auxologico di Milano. Il Prof. Carlo Salvarani di UNIMORE, direttore della Reumatologia dell’AOU di Modena e dell’Azienda USL-IRCCS  di Reggio Emilia è il ricercatore capofila e il team multidisciplinare che collabora al progetto comprende il Prof. Andrea Cossarizza, immunologo di Unimore,  il Prof. Giovanni Guaraldi di Unimore, infettivologo dell’AOU di Modena e la Dr.ssa Stefania Croci, Biotecnologa dell’Azienda USL-IRCCS di Reggio Emilia, oltre al coinvolgimento di esperti in malattie infiammatorie e infettive, pneumologi, radiologi, nonché biologi ed esperti nelle tecniche di "machine learning".

“La presentazione clinica di COVID-19 – afferma il Prof. Carlo Salvarani, ricercatore capofila del progetto -  varia da casi asintomatici a polmonite grave con insufficienza respiratoria che può portare a ventilazione meccanica invasiva fino anche alla morte.  I pazienti più critici sviluppano una cosiddetta ‘tempesta di citochine’, caratterizzata dall'aumento di molte citochine infiammatorie che possono produrre danni acuti in diversi organi. L’ipotesi centrale del progetto è che fenomeni trombotici guidati dall'infiammazione (trombosi infiammatoria) si verifichino frequentemente nei pazienti COVID-19 e siano associati a una malattia più grave”.

“Nella prima parte di tale progetto – prosegue il Prof. Salvarani - i ricercatori valuteranno l'attivazione del complemento, l'attivazione dei neutrofili e la disfunzione endoteliale nei pazienti COVID-19 e loro utilità come fattori predittivi di severità della malattia e danno cronico. La seconda parte del progetto, piuttosto innovativavaluterà il danno cronico polmonare indotto dalla polmonite COVID-19”.

Il polmone è il principale organo bersaglio dell'infezione da SARS-CoV-2 e tale polmonite è causa di mortalità nella fase acuta. Non è chiaro se nei pazienti sopravvissuti persistano lesioni polmonari croniche, né la loro evoluzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“C'è la necessità clinica di seguire i pazienti con lesioni polmonari iniziali – aggiunge il prof. Salvarani - con tecniche di ‘immagine’ polmonari come la tomografia computerizzata seriale ad alta risoluzione (HRCT) per valutare la persistenza delle lesioni, il tipo di lesione e trattare i pazienti in base alla natura di tali lesioni. Il progetto prevede un follow-up dei pazienti con HRCT polmonare e/o test di funzionalità respiratoria dopo 2-3 e 6 mesi dalla diagnosi di SARS-CoV-2 che sarà eseguito nei soggetti con danno polmonare iniziale più grave (lesioni tipo vetro smerigliato / consolidamento con estensione > 50% del parenchima polmonare alla HRCT basale) e nei pazienti che clinicamente manifesteranno compromissione funzionale polmonare. Sono previsti 700 pazienti. Le immagini al basale e di follow-up verranno confrontate mediante score visivo e analisi automatizzata basata su software (ad esempio software che si basano sulla densità di immagine fino ad algoritmi di deep-learning) per determinare l'evoluzione delle anomalie polmonari correlate alla polmonite COVID-19, con particolare attenzione alla potenziale insorgenza di fibrosi polmonare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid. Studenti positivi in quattro scuole di Modena e in una di Carpi

  • Focolaio in un bar di Carpi, l'Ausl invita gli avventori a fare il tampone

  • Pullman nel fosso dopo uno scontro con un furgone, grave incidente a Campogalliano

  • Altri quattro casi nelle scuole. Classi in isolamento a Modena, Carpi e Castelfranco

  • Covid. La Regione lancia il test gratuito in farmacia per i genitori degli studenti

  • Castelvetro, ciclista di 27 anni esce di strada e perde la vita in via Bionda

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento