rotate-mobile
Attualità Polo Leonardo / Via Antonio Pignedoli

Ecco le nuove "Gobbe", impianto rinnovato. Spazio anche alle bmx

Restituito alla città l’impianto rinnovato, a fianco del quale è in corso il cantiere per un’ulteriore struttura dedicata a skateboard e a Bmx su un’area di 3.500 metri quadrati

Sono terminati i lavori di riqualificazione dello skate park “Le Gobbe” di via Pignedoli, che hanno reso la struttura più fruibile, sicura, resistente nel tempo e divertente per gli utilizzatori. E mentre l’impianto rinnovato è già fruibile dai cittadini, a poca distanza, su un’area di 3.500 metri quadrati, sono in corso i lavori di realizzazione di un’ulteriore struttura dedicata allo skateboard e di due piste dedicate alle Bmx con tutto ciò che serve per evoluzioni e acrobazie.

A verificare la conclusione dell’intervento alla struttura già presente e l’avvio dei lavori per il nuovo skate park nella zona di via D’Avia sud, vicino al polo scolastico Leonardo, sono stati, nel pomeriggio di oggi, mercoledì 6 dicembre, il sindaco Gian Carlo Muzzarelli, l’assessora allo Sport Grazia Baracchi, l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Bosi, insieme ai tecnici comunali.

Il nuovo impianto, del valore di 2 milioni e 100 mila euro finanziato con risorse Pnrr nell’ambito del programma Next Generation Modena attraverso il bando “Sport e inclusione sociale”, ha visto l’avvio dei lavori nel mese di settembre e arriverà a conclusione nel 2025. Lo skate park “Le Gobbe”, invece, è stato oggetto di intervento di riqualificazione per un valore di 100 mila euro, cofinanziati per 30 mila euro dalla Fondazione di Modena nell’ambito del “Bando Personae”, e sarà inaugurato pubblicamente sabato 16 dicembre alle 15 con un momento istituzionale e, a seguire, esibizioni di skate e Bmx.

I lavori di riqualificazione, la cui progettazione ha visto il coinvolgimento dei ragazzi che frequentano l’area, hanno riguardato l’installazione di alcune nuove strutture in cemento al posto di quelle in legno e il ripristino di parte della pavimentazione. Le aree interessate sono state diverse: alla “mini rampa” è stata sostituita la piattaforma esistente e sono stati posizionati i parapetti a protezione dei terrazzini collocati alla sommità delle superfici curvilinee di scorrimento; anche nel “quarter”, struttura costituita da superficie di scorrimento curvilinea con un terrazzino al vertice, è stato collocato un parapetto; nei “box 1”, “box 2” e “manual pad”, ostacoli costituiti da parallelepipedi in calcestruzzo con altezza variabile, sono stati posizionati tubolari quadri in acciaio; nel “rail”, struttura costituita da un tubolare di acciaio tondo in posizione parallela al terreno, sorretto da montanti in acciaio, e nei “bank 1” e “bank 2”, costituite da un piano di scorrimento inclinato con un terrazzino al vertice, sono invece stati fatti lavori di manutenzione.

I piani di scorrimento curvilinei delle strutture sono stati realizzati secondo la tecnica della lisciatura a mano del calcestruzzo, con spatole metalliche, sistema che assicura un alto livello di levigatura e durabilità della superficie nel tempo, anche con lo scopo di garantire alti livelli di prestazione e al tempo stesso di sicurezza da parte degli utilizzatori che praticano lo skatebording e altre discipline affini. Infine, sono stati effettuati i ripristini delle parti ammalorate della pavimentazione con materiali adeguati.

Polo Leonardo, un nuovo skate park all'avanguardia per competizioni internazionali

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco le nuove "Gobbe", impianto rinnovato. Spazio anche alle bmx

ModenaToday è in caricamento