rotate-mobile
Attualità

Contributi pubblici per il film "Ferrari", dalla Regione 250mila euro alla produzione

Anche l'opera hollywoodiana, il cui costo è stato stimato in quasi 90 milioni di euro, tra quella sostenute dal bando regionale. Undici i progetti finanziati in questa tranche

C'è anche il film “Ferrari” di Michael Mann tra le opere cinematografiche finanziate dalla Regione Emilia-Romagna attraverso il Fondo regionale per l’Audiovisivo. Nel complesso si tratta di cinque opere cinematografiche, una televisiva e quattro documentari:  sono 10 le nuove produzioni selezionate e finanziate dalla Regione Emilia-Romagna con oltre 1,1 milioni di euro nella seconda sessione di valutazione del bando rivolto a imprese nazionali e internazionali per il sostegno alla realizzazione di opere audiovisive. Undici invece quelle alle quali è stato rifiutato il contributo.

Il film sulla vita del Drake, che negli ultimi tre mesi ha visto numerose riprese a Modena e non solo, ha incassato il contributo maggiore fra le opere finanziate. Alla società Welcome to Italy Srl, una delle società produttrici, sono infatti stati concessi 250mila euro, pari al totale della cifra richiesta, a fronte di una spesa complessiva dichiarata di 89.599.000 euro. 

L’opera cinematografica di Michael Mann - con Adam Driver, Penelope Cruz, Patrick Dempsey e Shailene Woodley - che ha appena terminato le riprese, ha avuto l'importante collaborazione di sei Comuni: Modena, Reggio Emilia, Maranello, Fiorano Modenese, Novellara e Imola, senza dimenticare le Provincie di Modena e Ferrara e i Comuni di Comacchio e Argenta che hanno collaborato per le scene delle Mille Miglia.

“La vera novità del bando di quest’anno è la sezione riservata a progetti di assoluto rilievo per la valorizzazione della cultura cinematografica, con requisiti di qualità e di impatto economico nel settore - ha spiegato l’assessore regionale alla Cultura, Mauro Felicori.-. Con questa sessione si conclude l’annualità 2022 del bando per le produzioni nazionali e internazionali, un anno in cui sono state finanziate complessivamente 22 opere, di cui 10 documentari, 11 opere cinematografiche e un’opera televisiva, per un costo complessivo di quasi 140 milioni di euro, che hanno portato sul territorio dell’Emilia-Romagna quasi 22 milioni di euro a fronte di un contributo complessivo della Regione Emilia-Romagna di oltre 2,1 milioni: un irripetibile rendimento della spesa di 1 a 10 circa”.

Ulteriore elemento innovativo del bando 2022 è stata l’attenzione al tema “colonna sonora”, ovvero una maggiore percentuale di contributo in caso di coinvolgimento di autori, musicisti o servizi correlati residenti in Emilia-Romagna, coerentemente con l’attenzione della Regione per il tema Musica e l’istituzione della “Music Commission”: sono 9 le opere che coinvolgono professionisti e servizi regionali per la realizzazione della colonna sonora per un valore di quasi 100mila euro.

I progetti finanziati

Oltre a Ferrari, tra i progetti di assoluto rilievo risulta anche finanziata la nuova serie tv Sky Original prodotta da Sky Studios e Cattleya, “Un Amore”. Le riprese sono iniziate nei giorni scorsi, con la regia di Francesco Lagi e protagonisti Stefano Accorsi e Micaela Ramazzotti, ambientata e girata nella città di Bologna, anch’essa protagonista.

Di grande interesse anche le opere presentate a valere nella sezione B, l’Emilia-Romagna ospiterà il prossimo film di Federico Zampaglione, “La bambola dagli occhi di cristallo”, un noir prodotto da Pegasus s.r.l., che aveva prodotto anche il precedente film Morrison, e ancora Alessandro Comodin, da poco premiato dal pubblico del Festival di Locarno, con la sua “Serena” prodotta da Ring film e ambientata nel territorio romagnolo.

Le storie dei personaggi illustri continua con “Hat on Sugar”, documentario prodotto da K+ sulla figura del musicista Zucchero, e dalla provincia emiliana si arriva alle storie della California di “Honeydew” raccontate dai due registi emiliani Marco Bergonzi e Michael Petrolin, per un documentario prodotto da Indyca s.r.l.

Se a mettere in dubbio il modello di vita della comunità di Honeydew è la legalizzazione della cannabis in America, i produttori di “Terra incognita”, Caucaso Soc Coop, si interrogano su quale futuro per l’umanità sul pianeta, dove il modello di vita raccontato dal regista Enrico Masi deve adattarsi a una forma di ecologia politica.

Romeo e India, sono i protagonisti dell’opera cinematografica “La Stanza Indaco” di Genoma Films, un luogo tra cielo e terra dove vivere il dono di ogni istante, e dove fa da sfondo una sanità necessaria nello scorrere della storia.

Dalla parigina Cineparallax arriva la proposta del nuovo documentario di Augusto Contento, “Uno spazio bianco”, in cui vuole raccontare attraverso i bianchi paesaggi siberiani verità inconfessabili, lungo le strade che portavano al famigerato Gulag 57.

Daniele Gaglianone nel suo “Il freddo dentro”, opera cinematografica prodotta da Dinamo Film, si chiede perché alcuni omicidi segnino profondamente la memoria collettiva, partendo dal caso di Erika e Omar.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contributi pubblici per il film "Ferrari", dalla Regione 250mila euro alla produzione

ModenaToday è in caricamento