Sicurezza, un gruppo di lavoro interforze per valutare interventi in viale Gramsci

Lo ha stabilito il Comitato provinciale per la sicurezza e l'ordine pubblico dopo aver avuto anche un confronto con il comitato dei residenti che ha presentato la propria petizione

Questa mattina si è riunito Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto Pierluigi Faloni, a cui hanno partecipato il Questore Maurizio Agricola, i Comandanti provinciali dell’ Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza Col. Marco Pucciatti e col. Adriano D’Elia, il Sindaco Muzzaarelli, il Presidente della Provincia Gian Domenico Tomei e tre rappresentanti del “Comitato viale Gramsci e dintorni” (Marcello Costatntino, Andrea Giordani e Angelo Marati), per esaminare tra le altre cose la petizione “Darsena 2020" presentata lo scorso 30 giugno al Sindaco ed al Prefetto di Modena dopo la raccolta firme fra i residenti.

"Appare evidente che la situazione che è stata rappresentata è una problematica che risala a diverso tempo fa ma altrettanto evidente è che la situazione di disagio non può essere affrontata solo con misure ed azioni di polizia ma deve avere un approccio multidisciplinare che veda nella riqualificazione dell’area una sinergica azione tra cittadini e istituzioni", si legge nella nota della Prefettura.

Il Prefetto ha evidenziato che i problemi dell’Area sono stati oggetto di analisi già in altre riunioni del CPOSP e in altre riunioni tra le forze di Polizia nel corso delle quali sono state decise misure che sono già in atto - i controlli straordinari - e che "stanno portando a risultati concreti nei confronti della criminalità e di chi adotta comportamenti non conformi alle regole".

"Il confronto e la collaborazione con il Sindaco sulle questioni di degrado sociale evidenziate dal Comitato cittadino è quotidiana ed è massima l’attenzione nei confronti del disagio rappresentato. Si sta lavorando con profonda attenzione ed anche a questo fine è stato costituito un gruppo di lavoro, nell’ambito del “Patto Modena Sicura”, al quale è stato dato il compito di produrre proposte che possano essere adottate ed elaborate nel breve, medio e lungo periodo per la riqualificazione dell’intera Area", ha aggiunto Faloni.

Ai cittadini è stata richiesta la "massima collaborazione con le Istituzione al fine di creare quella sinergia di forze che possa essere di esempio a tutta la collettività e, nel contempo, essere un forte baluardo contro ogni forma di criminalità e di comportamento incivile". Ci saranno ulteriori incontri al fine di poter confrontarsi sulle misure adottate, i risultati raggiunti e le nuove proposte per migliorare la collaborazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Chiama i vigili per spostare un auto in sosta davanti al cancello, ma il cartello era clonato

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

  • Conferma dal Ministero, l'Emilia-Romagna torna in "zona gialla"

  • Coronavirus, risalgono i numeri in regione. A Modena quasi 500 casi

Torna su
ModenaToday è in caricamento