rotate-mobile
Attualità Zona Musicisti / Viale G. Verdi, 60

Visite gratuite per la prevenzione oncologica, ANT inaugura un ambulatorio a Modena

Nei locali di viale Verdi, completamente rinnovati, trova posto un ambulatorio rivolto ai cittadini. Oggi il taglio del nastro con le autorità

ISCRIVITI AL CANALE WHATSAPP DI MODENATODAY

A vent’anni dall’avvio del primo progetto, la delegazione modenese della Fondazione ANT ha inaugurato oggi nella sede di Viale Verdi 60 il nuovo ambulatorio dedicato alle visite di prevenzione oncologica, alle consulenze mediche e al supporto psicologico, servizi che la Fondazione eroga da sempre gratuitamente in favore della cittadinanza e degli istituti scolastici.

Al taglio del nastro - oltre alla Presidente Fondazione ANT Italia Onlus Raffaella Pannuti e Delegata di Modena Fondazione ANT Italia Onlus Maria Concetta Pezzuoli - erano presenti anche il Predidente di Regione Stefano Bonaccini e il sindaco Gian Carlo Muzzarelli, che hanno ribadito l'importanza dell'operato di ANT sul territorio e il valore che il volontariato ricopre in questo campo, nel quale per altro Modena può contare su una storica e fattiva collaborazione tra associazioni e Servizio Sanitario.

La struttura, naturalmente realizzata nel rispetto della normativa regionale in materia di sanità per consentire anche ai portatori di disabilità di accedervi, è stata realizzata grazie al sostegno di Fondazione di Modena, BPER e Lions Club Castelnuovo Rangone e Montale.

L'ambulatorio-2

Questo importante intervento potenzierà i servizi già in essere di ANT e permetterà di organizzare e promuovere ogni mese le visite di prevenzione oncologica, incrementando così il sostegno concreto al territorio modenese, fornendo un valido supporto al sistema sanitario pubblico. ANT infatti è da tempo impegnata nella prevenzione oncologica: a Modena e provincia, sono state effettuate complessivamente ben 54.226 visite di prevenzione alla cittadinanza effettuate da medici con regolare contratto di collaborazione.

In tema di prevenzione, il primo progetto di ANT riguardante la diagnosi precoce del melanoma, è nato proprio a Modena nel 2004 da un’idea della dottoressa Giulia Giusti, dermatologa. A questo, hanno fatto seguito i progetti sulle neoplasie tiroidee, ginecologiche e mammarie, con l’intento di svolgere un servizio per la comunità che va a integrare quello offerto dalla sanità pubblica nel pieno rispetto del principio di sussidiarietà sancito dalla Costituzione.

Molte anche le aziende che hanno collaborato con ANT per offrire visite di prevenzione alla propria comunità aziendale, soprattutto per quanto riguarda il Progetto Melanoma; sono infatti in aumento gli imprenditori, particolarmente sensibili, che investono risorse per la salute dei propri dipendenti, nella consapevolezza che un comportamento virtuoso rappresenta un vantaggio sotto tanti punti di vista, prima di tutto etico e sociale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Visite gratuite per la prevenzione oncologica, ANT inaugura un ambulatorio a Modena

ModenaToday è in caricamento