Attualità

Mirandola, inaugurata la nuova casa dei 1.200 studenti dell'Istituto "Galilei"

Con la prima campanella anche il taglio del nastro per l'edificio ricostruito dopo il sisma e costato 10 milioni di euro

E' stato inaugurato lunedì 17 settembre, in occasione dell'avvio dell'anno scolastico, il nuovo istituto Galilei di Mirandola, in via Barozzi 4, ricostruito dalla Provincia di Modena, al posto del vecchio edificio demolito per i danni causati dal sisma. L'opera presenta un quadro economico complessivo di oltre dieci milioni e 700 mila euro finanziati dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena,  (quattro milioni e 850 mila euro), l'Associazione tra Fondazioni di Origine Bancaria dell'Emilia-Romagna (un milione e 665 mila euro), dal gruppo Barilla (un milione di euro), Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola (un milione di euro), Fondazione di Vignola (521 mila euro) e la Provincia di Modena che ha stanziato un milione e 664 mila euro.

Con questo intervento, insieme alla ristrutturazione del Venturi a  Modena, che si concluderà alla fine del 2018, la Provincia completa la fase di ricostruzione della scuole superiori danneggiate dal sisma.  All'inaugurazione, sono intervenuti, oltre Gian Carlo Muzzarelli, presidente della Provincia di Modena, Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia Romagna, Maino Benatti, sindaco di Mirandola, Giorgio Siena, dirigente scolastico dell'istituto, Stefano Versari, direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale, Silvia Menabue, dirigente dell'Ufficio scolastico di Modena, Roberto Ciati, in rappresentanza del gruppo Barilla, Paolo Cavicchioli, presidente della Fondazione Cassa di risparmio di Modena e dell'associazione tra Fondazioni di origine bancaria dell'Emilia Romagna, Giorgio Mari, presidente della Fondazione Cassa di risparmio di Mirandola, Gloria Vignali, vicepresidente della Fondazione di Vignola, e Alessandro Manni, direttore area Lavori pubblici della Provincia che illustrerà le caratteristiche del nuovo edificio.     

Nel corso della cerimonia Muzzarelli ha sottolineato «gli sforzi compiuti dalla Provincia per ripristinare gli edifici scolastici superiori danneggiati dal sisma,  che si completeranno nei prossimi mesi con la conclusione dei lavori al Venturi a Modena; questo grazie all'impegno della Regione, di enti, fondazioni ma anche gruppi privati. Oggi  gli studenti, gli insegnanti e tutto il personale ritornano nella sua sede originaria oggi più sicura e moderna e che offre nuove opportunità per tutto il territorio». Alla cerimonia hanno partecipato anche numerosi studenti, i rappresentanti di classe, insegnanti, genitori ed ex studenti dell'associazione "Amici del Galilei".  

Realizzata dalla ditta Iti Impresa Generale s.p.a. di Modena sulla base di un progetto curato internamente dai tecnici della Provincia, la nuova sede del Galilei è all'insegna del risparmio energetico e antisismica; misura circa quasi sette mila metri quadrati, sviluppati su quattro piani, dove trovano posto 57 aule, tutto dotate di lavagne interattive multimediali, otto laboratori, bar, biblioteca, ufficio, archivio e locali di servizio.

L'istituto,  finora ospitato nell'edificio temporaneo allestito dalla Regione in via 29 maggio dopo il sisma, in questi anni è continuato a crescere ed è frequentato quest'anno da 1.260 studenti (nel 2012 erano circa mille). Gli indirizzi sono il liceale scientifico delle scienze applicate, il tecnico settore tecnologico (chimica, meccanica, elettronica e automazione), l'indirizzo professionale settore industria e artigianato (produzioni tessili e sartoriali e manutenzione e assistenza tecnica). Nei programmi della Provincia, gli spazi scolastici di via 29 maggio, saranno completamente ristrutturati e messi a disposizione di parte degli studenti del Luosi e degli studenti del liceo Pico (in tutto circa 600) in accordo e sulla base delle esigenze delle due scuole. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mirandola, inaugurata la nuova casa dei 1.200 studenti dell'Istituto "Galilei"

ModenaToday è in caricamento