menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Taglio del nastro, si inaugura il palazzetto dello sport a Palagano

Bonaccini: "Essere comunità significa anche avere luoghi per socializzare e per fare sport"

Dopo quattro anni di lavori, sarà inaugurato nel pomeriggio di oggi il nuovo palazzetto dello sport nel comune di Palagano, nel modenese, all’interno del Centro sportivo Papa Giovanni XXIII. Si tratta di una moderna struttura progettata per ospitare diverse discipline sportive, dal basket alla pallavolo, dal calcetto alla ginnastica, in grado quindi di dare una risposta qualificata alla richiesta, individuale e a gruppi, avanzata da fasce sempre più ampie di persone, che vedono nella pratica sportiva non solo un’occasione di divertimento, ma anche un modo per condurre sani stili di vita.

La struttura, realizzata su una superficie di poco meno di un migliaio di mq e completa di spogliatoi e locali di servizio, può ospitare anche un centinaio di spettatori. Il palazzetto rappresenta per il comune montano modenese un ulteriore tassello che va ad arricchire le opportunità sportive di ricezione già presenti, come l’ostello, la piscina, i campi da beach volley, da basket, da calcio, da pallavolo e da tennis.

L’impianto sportivo è stato realizzato anche grazie a un contributo di quasi un milione di euro, nell’ambito del progetto ‘6000 Campanili’, erogato dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Anci. Il Credito Sportivo ha poi reso disponibili 400 mila euro per realizzare gli spogliatoi.
Al taglio del nastro, oltre al sindaco Fabio Braglia, ad alcuni parlamentari modenesi e atleti locali, parteciperà anche il presidente della Regione, Stefano Bonaccini.  

“Fare sport, non importa a quale livello, non è solo un'opportunità di svago e divertimento- sottolinea il presidente Bonaccini-. Perché significa molto di più. Significa offrire ai ragazzi la possibilità di avere un luogo nel quale stare assieme e divertirsi. Significa riconoscere allo sport un ruolo importante per la tutela della salute, significa creare all’interno della comunità - e in favore di tutta la comunità - un punto qualificato di aggregazione e di socializzazione”. “E questi sono tutti aspetti importanti- prosegue il presidente - soprattutto in montagna, dove disporre di strutture adeguate assume un valore ancora maggiore. Per questo, come Regione, abbiamo prestato grande attenzione alla necessità di rendere più efficiente ed adeguato il patrimonio impiantistico sportivo emiliano-romagnolo, stanziando 20 milioni di euro in un bando destinato alla ristrutturazione e alla realizzazione di nuovi campi da gioco, palestre, piscine e spazi per lo sport. Proprio perché tutti abbiano l’opportunità di beneficiare, nella comunità nella quale risiedono, della presenza di impiantiti sportivi adeguati, accoglienti e sicuri”.

E proprio al bando regionale per l’impiantistica sportiva sta partecipando il Comune di Palagano, per avviare la trasformazione di due campi di giocoda asfalto in manto sintetico, per il calcetto e il volley, sempre all’interno del Centro Papa Giovanni XXIII.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento