Vertenza Goldoni, ancora nulla di fatto. Si apre il tavolo in Regione

Il vertice con la dirigenza aziendale e una rappresentanza del colosso cinese Lovol non ha portato alcuna soluzione per la ditta carpigiana. Il Tribunale ha fissato il 13 maggio come termine per definire il concordato

Quella della storica azienda di trattori Goldoni Arbos di Carpi, in provincia di Modena, molto probabilmente sarà la prima crisi che finirà sul tavolo del neo-assessore regionale Vincenzo Colla, ex vicesegretario nazionale della Cgil. Ieri infatti l'incontro tra i delegati e la Fiom di Carpi da una parte e la direzione aziendale dall'altra (c'erano Andrea Bedosti, coadiuvato dai responsabili aziendali, Confindustria Emilia Centrale e due dirigenti cinesi) non ha portato schiarite. Anzi. 

Al tavolo, che ha visto anche la partecipazione del sindaco di Rio Saliceto Lucio Malavasi e della segretaria della Fiom-Cgil di Modena Stefania Ferrari, è emersa "una evidente mancanza di delega per affrontare le questioni poste" da parte dell'azienda. Ed è stato soprattutto confermato il percorso intrapreso verso il concordato preventivo, il cui avvio è stato ratificato dal Tribunale di Modena il 13 febbraio. Il Tribunale ha concesso tre mesi per la sua definizione: termine ultimo sarà quindi il 13 maggio. Per il resto, constatano con preoccupazione delegati e Fiom, il ruolo della delegazione aziendale si è limitato "semplicemente ed unicamente" a quello "di portavoce verso le strutture superiori del colosso cinese Lovol delle istanze poste al tavolo. Permane quindi con grande evidenza il problema rappresentato dalla mancanza di un reale interlocutore". 

E ora, appunto, il tavolo si sposta in Regione dove è confermata e "attesa a breve" la convocazione di un incontro che potrebbe vedere quindi scendere in campo Colla. E proprio in vista del passaggio in viale Aldo Moro, il sindacato ei sindaci hanno "chiesto con forza che a quell'appuntamento siano presenti soggetti in grado di affrontare un reale confronto e non dei semplici portavoce".

Intanto si faranno sentire gli effetti della procedura sulle condizioni materiali non solo dei fornitori creditori, che vedono bloccati i loro crediti, ma anche verso i lavoratori Goldoni, con il congelamento sospensivo dei crediti maturati fino al 13 febbraio, retribuzione, ferie, permessi e Tfr, istituti che la legge fallimentare prevede siano sospesi fino all'avvio del concordato, si spiega dalla Cgil. "Tutti questi elementi confermano che la strada intrapresa dalla proprietà cinese facente capo al colosso Foton Lovol Heavy Industry Ltd è sbagliata e in netta rottura con il piano industriale annunciato nel 2017 e perseguito fino alla prima metà del 2019, momento in cui sono iniziati i ritardi e poi mancati pagamenti ai fornitori, impedendo di fatto l'evasione degli ordinativi", affermano delegati e sindacato della Cgil. La Fiom ribadisce quindi che "il ritiro del concordato rappresenta la condizione necessaria per tutelare i lavoratori, i fornitori e la continuità del piano industriale condiviso all'atto del subentro dell'attuale proprietà". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(DIRE)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Covid. Studenti positivi in quattro scuole di Modena e in una di Carpi

  • Focolaio in un bar di Carpi, l'Ausl invita gli avventori a fare il tampone

  • Pullman nel fosso dopo uno scontro con un furgone, grave incidente a Campogalliano

  • Covid, 15 casi a Modena. Oltre la metà da contagio famigliare

  • Covid. La Regione lancia il test gratuito in farmacia per i genitori degli studenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento