Botta e risposta in Consiglio Comunale. Bosi: "già fatti diversi interventi nell'incrocio tra via Suore e via Sant'Anna"

All'interrogazione posta da Walter Stella di Sinistra per Modena, l'Assessore ai Lavori Pubblici Andrea Bosi risponde che nel novembre scorso sono stati fatti numerosi interventi nell'incrocio tra via Suore e via Sant'Anna. Per la rotatoria bisogna aspettare

L’Amministrazione comunale, dopo il confronto con i residenti, è già intervenuta con diverse azioni per ridurre l’incidentalità sull’incrocio tra via Suore e via Sant’Anna.

Lo ha detto l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Bosi nella seduta del Consiglio comunale di giovedì 27 febbraio in risposta all’interrogazione di Sinistra per Modena illustrata dal consigliere Vincenzo Walter Stella, precisando che “il Comune sta valutando ulteriori interventi e continuerà il monitoraggio sui livelli di incidentalità”. Il consigliere ha espresso preoccupazione sull’alto numero di incidenti dell’incrocio e ha chiesto, in particolare, i dati dei sinistri negli ultimi 10 anni, “se sono in essere accordi con la Società Cpc che prevedano un contributo economico o interventi diretti a carico della società per il miglioramento e potenziamento delle infrastrutture viarie e ciclopedonali” e se esiste la possibilità di vedere realizzata in quell’incrocio una rotatoria.

Bosi ha spiegato che già prima del deposito dell’interrogazione, l’Amministrazione aveva eseguito una serie di interventi: nel 2014 segnaletica verticale di attraversamento con dispositivi lampeggianti su strada S.Anna e segnaletica di pericolo presenza bambini su entrambi i lati; nel 2018 divieto di fermata su strada S.Anna, direzione Razzaboni, e dissuasori ottici della velocità sulla stessa strada e su via Suore, su entrambi i lati; nell’estate 2019 manutenzione segnaletica orizzontale di stop.

Questi interventi però sono risultati "evidentemente non sufficienti", e per questo motivo nel novembre scorso sono stati collocati lapegianti e dissuasori sonori, oltre ad essere stata limitata a 30 km/h la velocità su quel tratto di strada. 

L’assessore ha inoltre precisato che tra gli ulteriori interventi che l’Amministrazione sta valutando, c'è la proposta dei cittadini di realizzare una rotatoria, ma per prendere in seria considerazione questa id sembra si debbano prima aspettare i riscontri delle misure appena attuate.

Bosi ha quindi fornito i dati degli incidenti negli ultimi anni: se tra il 2010 e il 2015 non si registra un’incidentalità di picco in quell’incrocio, negli ultimi tre anni i numeri sono aumentati, con tre incidenti di cui due con feriti nel 2017, quattro incidenti di cui uno con feriti nel 2018 e cinque incidenti di cui due con feriti nel 2019. La dinamica sembra per gran parte riconducibile alla scarsa percezione del segnale di stop su via Suore.

Rispetto agli accordi con la società Cpc, l’assessore ha infine comunicato che il permesso di costruire rilasciato dall’Amministrazione nel 2019 riguarda un intervento diretto di ristrutturazione previa parziale demolizione di un capannone esistente, che non sono presenti né convenzioni né atti e non sono quindi previste opere di urbanizzazione se non quelle strettamente necessarie come ad esempio l’allacciamento delle reti per il funzionamento dell’edificio. Nel permesso di costruire precedente, del 2016, è invece presente un atto unilaterale d'obbligo per la rimodulazione e sistemazione di parcheggi privati di uso pubblico nell’appendice stradale a fondo cieco sempre denominata via delle Suore, il rifacimento del marciapiede e di un tratto di pista ciclabile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il consigliere Stella, nella replica, ha espresso favore per la disponibilità fornita dall’assessore a riconvocare un incontro con i residenti, “perché il dialogo è sempre ben visto. Attendiamo che vengano raccolti dati sufficienti a seguito degli ultimi interventi – ha aggiunto – ma faccio comunque un appello affinché, se c’è la possibilità, venga realizzata la rotatoria che in questo incrocio sarebbe comunque utile”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion e autocisterna si scontrano e prendono fuoco, una vittima in Autosole

  • Accademia Militare, per la prima volta una donna è la più meritevole fra gli Allievi

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Test sierologici gratuiti in farmacia, è necessario prenotare

  • Contagi, 81 nel modenese. Due decessi e due ingressi in Terapia Intensiva

  • Scuole, contagi in altre 21 classi. Cinque finiscono in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento