Inserimento scolastico dei bimbi con diabete: Modena fa scuola

A circa un anno dall’attivazione del Protocollo per l’inserimento scolastico del bambino con diabete, la Federazione Diabete Emilia-Romagna insieme all’Azienda USL premia le scuole che si sono distinte nell’accoglienza e assistenza ai bimbi con diabete di tipo 1

Modena “fa scuola” nell’assistenza ai bimbi con diabete: grazie al Protocollo in vigore da circa un anno Luca, Francesca, Malik, Anna, Nicholas e Marco (nomi di fantasia), che frequentano le scuole della nostra provincia possono contare su un accompagnamento a 360 gradi da parte di insegnanti e operatori scolastici, che hanno accettato di aiutarli nelle quotidiane operazioni che la loro malattia comporta, senza dover rinunciare a nessuna delle attività previste nel loro percorso di istruzione.

Proprio per l’impegno nel garantire la corretta assistenza a questi piccoli, le scuole sono state premiate da Federazione Diabete Emilia-Romagna insieme all’Azienda USL di Modena come “Scuole Accoglienti” per i bambini con diabete.

A ricevere il premio sono stati: Scuola dell’infanzia paritaria San Benedetto Abate e l’Istituto Figlie di Gesù di Modena, la Scuola Primaria Montecuccoli di Sestola, l’Istituto comprensivo di Lama Mocogno – Plesso di Polinago, l’Istituto comprensivo 2 Ravarino – Primaria Buonarroti e la Scuola materna paritaria Minime dell'Addolorata di Castelfranco Emilia. Sei scuole che sono una parte dei tanti istituti che, in provincia di Modena, hanno aderito e si stanno formando, aprendosi alle richieste dei loro alunni con diabete e facendo così da apripista a livello nazionale. Non esiste infatti ancora una procedura univoca su tutto il territorio. 

Sono circa 200 i minori in provincia con diabete di tipo 1. È questa infatti la più frequente patologia endocrino-metabolica dell'età evolutiva e comporta una carenza assoluta di insulina: il paziente necessita di terapia insulinica e di un attento autocontrollo glicemico. Come tutti i coetanei questi bimbi trascorrono, in un anno, tra le 800 e le 1200 ore a scuola ed è dunque importante poter offrire loro un percorso scolastico personalizzabile ed adattato alla specifica realtà locale, costruito grazie all’accoglienza e all’impegno del personale scolastico.

Al fine di ottenere un inserimento efficace, all’interno del Protocollo per l’inserimento scolastico del bambino con diabete si prevede che durante l’orario scolastico sia garantito al bambino il diritto di controllare la glicemia, trattare l'ipoglicemia con zucchero (o con glucagone se necessario), trattare l'iperglicemia con insulina, consumare i pasti scolastici nei modi e nei tempi appropriati, avere la possibilità di bere, mangiare e andare in bagno quando richiesto, svolgere in sicurezza le attività ludico-sportive.

Solo così i bimbi – e dunque le loro famiglie – possono vivere appieno l’esperienza scolastica con i propri compagni, fin dalla più tenera età, contando sulla presenza di personale formato che li può aiutare a controllarsi e soprattutto che può riconoscere i “segnali di allarme” di eventuali crisi ipoglicemiche, somministrare l’insulina se la rete parentale non è in grado di supportare il bambino in orario scolastico, o di farmaci salvavita (come il glucagone) qualora se ne manifesti la necessità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Grazie al Protocollo è stato dunque possibile mettere a sistema il percorso di inserimento in ambito scolastico e nei servizi educativi per i minori con diabete tipo 1, sia dopo il ricovero per l'esordio della malattia che durante l’intero percorso scolastico, indicando alle scuole le corrette procedure di assistenza, e garantendo la necessaria formazione. Un salto di qualità – e di responsabilità – per la sanità modenese che riconosce un diritto fondamentale dei minori con diabete, quello di vivere le stesse esperienze rivolte ai loro compagni, senza paura, sentendosi sicuri, protetti e accompagnati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid. Studenti positivi in quattro scuole di Modena e in una di Carpi

  • Focolaio in un bar di Carpi, l'Ausl invita gli avventori a fare il tampone

  • Pullman nel fosso dopo uno scontro con un furgone, grave incidente a Campogalliano

  • Altri quattro casi nelle scuole. Classi in isolamento a Modena, Carpi e Castelfranco

  • Covid. La Regione lancia il test gratuito in farmacia per i genitori degli studenti

  • Castelvetro, ciclista di 27 anni esce di strada e perde la vita in via Bionda

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento