Impianto di biometano a Concordia, presentate le integrazioni al progetto

Bio Biomat ha depositato la documentazione che Arpae e la Conferenza dei Servizi esamineranno entro 120 giorni

L’azienda Bio Biomat, che ha presentato presso Arpae (Agenzia Prevenzione Ambiente Energia Emilia Romagna) un progetto per la realizzazione di un impianto per la produzione di biometano, il 1 Luglio 2019 ha depositato le integrazioni richieste da Arpae. Ricordiamo infatti che, in data 3 dicembre 2018, l’Arpae chiese all’azienda Bio Biomat di rispondere a 84 punti tecnici progettuali in merito alla sua richiesta di costruire a Concordia, nell’Area Ex Kermar, un impianto per la produzione di biometano e il termine ultimo scadeva il 1 luglio 2019.

Ora Arpae e tutti gli enti facenti parte della Conferenza dei servizi dovranno verificare il progetto con le integrazioni presentate entro 120 giorni, al termine dei quali esprimerà formalmente il proprio parere.

"L’Amministrazione comunale, condividendo le forti preoccupazioni manifestate dai cittadini per le possibili conseguenze sull’impatto ambientale, sanitario, paesaggistico e sulla viabilità, è fortemente contraria alla realizzazione di questo impianto. La giunta comunale sta continuando a seguire, attraverso i propri tecnici e incaricando consulenti esperti, per i quali sono già state stanziate le risorse necessarie, ogni passaggio e tutta la documentazione resa disponibile, ribadendo in ogni sede (tra cui anche la Conferenza dei Servizi) il no alla realizzazione del biometano a Concordia", si legge in una nota.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Parallelamente, come espresso anche dai consigli comunali e dell'Ucman, chiediamo con forza a Regione e Governo, ciascuno per le proprie competenze e a partire dalle responsabilità dei parlamentari eletti del territorio, di dare seguito agli impegni assunti per un intervento legislativo che pianifichi lo sviluppo del biometano affinchè l’impiantistica sia governata dai territori non lasciandone lo sviluppo ai soli attori industriali - chiosa l'Amministrazione guidata dal sindaco Luca Prandini - La tutela dei concordiesi e del territorio è prioritaria ed è nostro impegno tenere informati e aggiornati i cittadini in ogni passaggio di questa vicenda".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Castelvetro, motociclista si scontra con un trattore e perde la vita

  • Rapina nella villa di Luca Toni, famiglia legata e minacciata con la pistola

  • Nuovo Dpcm a breve: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Coronavirus, 1.413 contagi in regione. A Modena i numeri raddoppiano

  • Coronavirus. 1.212 nuovi positivi e 14 decessi in regione. Modena prima provincia

  • Contagi, 123 casi nel modenese: 2 in Terapia Intensiva. Quattro decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento