menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nonantola, 250 volontari ancora al lavoro. Ospitate in strutture 61 persone

Interventi concetrati anche sulle scuole e che proseguiranno anche nei prossimi giorni. Oggi 32 interventi di Protezione Civile

Le 71 squadre regionali della Protezione Civile (259 unità) provenienti da Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, coordinate dal Comune di Nonantola, hanno effettuato nella giornata di venerdì 11 dicembre 32 interventi. Il numero è inferiore rispetto ai giorni scorsi soprattutto perché il lavoro si è concentrato a lungo sul plesso scolastico (scuole Nascimbeni e Dante Alighieri). Si tratta di un intervento importante che proseguirà nella giornata di domani sabato 12 dicembre. La squadra proveniente dal Piemonte ha terminato le proprie operazione rientrando a casa. 

Anche oggi in alcune abitazioni i volontari non hanno potuto effettuare i lavori per l’assenza dei proprietari che possono richiedere un nuovo intervento di pulizia attraverso i numeri del Centro Operativo Comunale (059896540 - 059896513 - 059896514 - 059896513). Gli stessi numeri possono essere utilizzati per segnalazioni di necessità legate all’alluvione.

La situazione degli sfollati

Attualmente 58 persone sono ospitate negli hotel, 1 anziano in una struttura protetta di Castelfranco Emilia e 2 cittadini sono ospitati in una struttura di Ravarino. Altri, ovviamente, hanno trovato ospitalità presso parenti o in altre abitazioni.

Due squadre di supporto alla popolazione hanno verificato le condizioni delle persone più fragili e varie necessità, inviando immediatamente i servizi utili per affrontare le esigenze dei cittadini. Ad esempio sono stati consegnati farmaci, pasti e sono state attivate squadre di Protezione Civile per interventi nelle singole abitazioni che segnalavano ancora delle problematiche. Le persone più fragili saranno nuovamente contattate per tener monitorata la situazione e nel caso provvedere a ulteriori bisogni.

La situazione nelle scuole

Nonostante l’emergenza lunedì riparte l’attività al Nido Piccolo Principe e alla scuola paritaria San Giuseppe. Martedì sarà la volta delle scuole d’’infanzia Don Milani e Don Ansaloni che ospiteranno anche i bimbi della scuola d’infanzia Don Beccari fino alla pausa per le festività natalizie. A questo proposito domani pomeriggio è in programma una riunione virtuale con i genitori dei piccoli iscritti alla Don Beccari. Giovedì riprenderanno l’attività anche i piccoli del Nido Don Beccari ospitati presso il Piccolo Principe. 

I trasferimenti si sono resi necessari a causa degli ingentissimi danni provocati dall’alluvione di domenica scorsa a tutto il pavimento del plesso Don Beccari che risulta pertanto inagibile a lungo tempo. Le scuole primarie Fratelli Cervi e le secondarie di primo grado Dante Alighieri hanno registrato seri danni all’impianto termico ed elettrico, a seguito dei quali non è possibile garantire la sicurezza e la salubrità dei locali e pertanto la frequenza in presenza è sospesa fino all’inizio delle vacanze natalizie. Per fare un esempio solo dalle dante Alighieri sono stati estratti migliaia di metri cubi d’acqua. 

Dopo la riunione del Centro Operativo Comunale conclusasi solo pochi minuti fa è emersa una novità che riguarda la riapertura delle scuole Fratelli Cervi e Nascimbeni, pesantemente danneggiate dall’alluvione di domenica scorsa. Infatti la decisione verrà presa a seguito della valutazione congiunta con il dipartimento di sanità pubblica previsto la prossima settimana sulla sicurezza e salubrità dei locali. Si conferma invece quanto già comunicato per le scuole Dante Alighieri che riapriranno dopo le festività natalizie. 

Generatore di via Pasolini e dintorni

Oggi sono state contattate le famiglie interessate dal guasto all’impianto di co-generazione proponendo agli abitanti la possibilità di essere ospitati in hotel. I lavori stanno proseguendo senza sosta ed è stata ordinata una caldaia mobile che sostituirà in modo provvisorio il co-generatore che fornisce riscaldamento e acqua calda alle 14 palazzine di via Pasolini e dintorni. L’obiettivo è ripristinare la situazione (con una soluzione provvisoria ) a inizio della prossima settimana.

"Ripuliamo Nonantola", il Comune lancia un weekend di solidarietà

Alluvione, oltre 1.200 imprese e 8.000 residenti colpiti. Parte iter rimborsi

Alluvione e smottamenti, 6 milioni di danni sulle sole Strade Provinciali

Esondazione. Italia Nostra: "Malgoverno del Panaro, è necessario capire perché è potuto accadere"

Ponte Samone, iniziati i rilievi tecnici dopo il crollo

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento