menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Intervento salvavita all’Ospedale di Baggiovara grazie alla macchina cuore-polmone

La giovane è ora in attesa di trapianto polmonare. L’importanza della collaborazione con la Cardiochirurgia dell’Hesperia Hospital. L’attività della Cardiologia non si è fermata durante questa ondata pandemica

Un intervento salvavita è stato effettuato su una paziente di 23 anni domenica scorsa dall’Equipe della Cardiologia dell’Ospedale Civile, guidata dal dottor Stefano Tondi che ha applicato l’ECMO (Extra Corporeal Membrane Oxygenation), dispositivo che supporta le funzioni vitali mediante la circolazione extracorporea, aumentando l'ossigenazione e sostenendo la circolazione del sangue sulla giovane, affetta da una rara malattia congenita polmonare e in attesa di trapianto. La procedura salvavita si è svolta in emergenza presso l’Unità di Terapia Intensiva Cardiologica di Baggiovara (di cui è responsabile la dottoressa Stefania Sansoni) in collaborazione con l'equipe dell’U.O di Cardiochirurgia dell'Hespria Hospital (Dr. Marco Meli, Direttore della cardio-anestesia ed il Dr. Massimo Longo, Cardiochirurgo) e del reparto di Anestesia-Rianimazione dell'Ospedale di Baggiovara (Direttore Dr.ssa Elisabetta Bertellini e Dr. Maurizio Pavesi anestesista). La dottoressa Elisa Davolio, perfusionista, ha accompagnato la paziente a Padova assieme al dottor Meli.

La paziente – ha spiegato la Dr.ssa Stefania Sansoni - era stata ricoverata pochi giorni prima in seguito al peggioramento delle funzioni cardio-respiratoriema dopo un'iniziale favorevole risposta clinica alle terapie farmacologiche e di supporto respiratorio il quadro si è aggravato ulteriormente”. 

Le condizioni cliniche sono precipitate in maniera irreversibile nella giornata di domenica - prosegue la Dr.ssa Alina Olaru, Cardiologa Ecocardiografista - tanto da rendere necessaria l'attivazione di un'equipe multidisciplinare per il posizionamento del dispositivo di circolazione extracorporea ECMO”

Questo risultato – ha concluso il dottor Stefano Tondi – è frutto dell'integrazione delle diverse competenze cardiologiche, anestesiologiche e cardiochirurgiche che hanno permesso una rapida ed efficace gestione dell'emergenza medica in atto. Questo ha consentito alla Paziente di essere trasferita presso l'Azienda Ospedaliera di Padova in attesa di un trapianto bipolmonare con priorità nazionale. Si tratta di un intervento eccezionale per un quadro clinico molto specificoIn questi mesi di pandemia, abbiamo seguito numerosi casi di infarto acuto del miocardio che richiedono interventi di angioplastica coronarica con impianto di stent all’interno delle coronarie malate e il successivo ricovero in Utic”

A differenza della prima ondata di Covid 19, in cui si era verificata una drastica riduzione di accessi in ospedale per problemi cardiaci acuti, motivati dalla paura dei pazienti di recarsi in ospedale, in questa seconda, lunga fase epidemica gli accessi sono ritornati ad essere analoghi al periodo precedente l’inizio della pandemia. “Rispetto alla prima ondata – conclude Tondi - l’attività cardiologica non si è interrotta ed i pazienti, grazie al grande lavoro per garantire percorsi di accesso definiti, non hanno timore di essere ricoverati in ospedale. Nella nostra Regione, la mortalità ospedaliera per infarto è quindi ritornata a valori pre-pandemici e, con circa il 6%, rimane tra le più basse nel mondo occidentale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 1.151 nuovi positivi in regione. Modena prima provincia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento