rotate-mobile
Attualità

Usmia Carabinieri si espande in Emilia-Romagna, già 400 militari iscritti

Cresce la rappresentanza sindacale, che solo da qualche anno si sta strutturando sul territorio dopo i riconoscimenti uffciali in ambito militare di un tema che era sempre stato un taboo

USMIA Carabinieri, incardinata nell'ambito dell'Unione Sindacale Militari Interforze Associati, è approdata in Emilia Romagna la scorsa estate. Un'Associazione composta da uomini e donne Carabinieri, accomunati da indissolubili principi morali e militari che nutrono grande fiducia nel sindacato, come mezzo di tutela innovativo, ormai indispensabile per restare al passo di una società moderna come la nostra. Un impegno che USMIA Carabinieri intende compiere con umiltà, serietà e abnegazione cercando, in ogni modo e con ogni mezzo, di garantire serenità e  benessere ai propri iscritti, attraverso un confronto leale e costruttivo con l'Amministrazione e con la politica.

Con questi obiettivi, il Segretario Generale Carmine Caforio, giunto appositamente a Bologna, affiancato dal Dirigente Esecutivo Nazionale Alfonso Montalbano, ha incontrato la squadra emiliano - romagnola congratulandosi con ognuno dei componenti: Antonio Vellucci, coordinatore attività alta Emilia (Piacenza, Reggio Emilia e Parma); Angelo De Simoni, Giuseppe Quarta, Dario Minati e Fabio De Pinto per Modena; Roberto Cucchi per l'area Ferrarese; Ciro Russo e Antonio Fuscello per la Romagna; Michele Formichella e Salvatore Corso per il Reggimento di Bologna. 

"Nel ringraziare i dirigenti per la straordinaria coerenza e onesta intellettuale dimostrata in così breve tempo – continua Caforio – esprimo con grande orgoglio il sincero apprezzamento di tutta Usmia per i risultati conseguiti. Oltre ad aver accomunato più di 400 colleghi, hanno organizzato un seminario in collaborazione al Siulp di Modena, dal quale è nata una proposta di legge in Parlamento per migliorare le condizioni delle Forze di Polizia  in tema di contrasto alla violenza di genere e facendo stanziare dei fondi dal Governo per la formazione dei colleghi".

"Ancora tanti progetti e proposte - aggiunge  Alfonso Montalbano - USMIA CC sensibilizzerà le Autorità politiche e militari per la risoluzione delle criticità che i Carabinieri incontrano ogni giorno durante il servizio e nella loro vita privata; dai salari, alla formazione, dalle turnazioni agli alloggi di servizio, dalla progressione di carriera alla tutela legale e disciplinare fino alla richiesta di aggiornamento dei codici penali militari. Iscriversi ad USMIA è semplice, così come contattare i vari responsabili territoriali tramite il sito del sindacato. Ai Carabinieri diciamo avvicinatevi ad Usmia, per crescere e migliorare insieme".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Usmia Carabinieri si espande in Emilia-Romagna, già 400 militari iscritti

ModenaToday è in caricamento