rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Attualità

La Polizia festeggia San Michele e saluta il Questore Agricola

In Cattedrale le celebrazioni del Patrono della Polizia, San Michele, al termine delle quali è intervenuto il Questore, in procinto di lasciare il nostro territorio

Questa mattina, alla presenza delle più alte cariche militari e civili, si sono svolte le celebrazioni di San Michele Arcangelo, Patrono della Polizia di Stato. La Santa Messa in Duomo è stata officiata dall’Arcivescovo Mons. Erio Castellucci, unitamente al Cappellano della Polizia di Stato, Don Gabriele Semprebon. Le celebrazioni sono state accompagnate dai canti gregoriani di un gruppo di coristi della Cappella Musicale del Duomo di Modena, diretti dal Maestro Daniele Bononcini.

Al termine della funzione religiosa, il Questore di Modena Maurizio Agricola è in tervenuto per un breve discorso, che coincide anche con il suo commiato dalla realtà modenese: sarà infatti trasferito alla Questura di Catanzaro già nelle prossime ore. Agricola ha manifestato la propria gratitudine nei confronti delle donne e degli uomini della Polizia di Stato modenese per la dedizione, l’abnegazione e i sacrifici profusi, nonostante le grandi difficoltà quotidiane, per garantire legalità, sicurezza, soccorso e assistenza pubblica.

Ha sottolineato che mai come in quest’ultimo difficile periodo storico, la Polizia di Stato dell’intera provincia di Modena è riuscita ad incarnare questi valori comprendendo le necessità di una comunità impaurita, disorientata e vittima, ma salda nella volontà di ripresa, e a non venir meno ai propri doveri interpretando quel ruolo di terzietà che la qualifica, ma cercando di sviluppare l’empatia necessaria a comprendere e a prendersi cura della gente, tenendo in primaria considerazione le esigenze e i timori di chi a caro prezzo ha perso tutto in termini di lavoro, salute se non addirittura di vite umane.

Il Questore, nel suo discorso, ha ricordato anche i recenti successi alle Olimpiadi e Paralimpiadi degli atleti delle Fiamme Ore, anche loro portori di valori quali abnegazione, rinuncia, spirito di sacrificio e lealtà. Una menzione particolare ha espresso nei confronti del collega Alessandro Lambruschini, presente alla cerimonia, che alle Olimpiadi di Atlanta nel 1996, conquistò la Medaglia di Bronzo nei 3000 m siepi, scrivendo una pagina indelebile della storia dello sport, portando alto il nome della nostra nazione e quello della Polizia di Stato.

Ha poi rivolto un pensiero di vicinanza ai parenti delle vittime del dovere e alla famiglia del l’Assistente Capo Fabio Terzilli, in forza al Commissariato di Carpi, che nel maggio scorso ha perso prematuramente la vita in un incidente stradale.

IMG_3359

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Polizia festeggia San Michele e saluta il Questore Agricola

ModenaToday è in caricamento