menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sci di fondo e ciaspolate, "la Regione dia il via libera come in tutto il nord Italia"

L’Appennino ha tanto da offrire oltre allo sci tradizionale. Da qui l'appello di Lapam affinchè le attività all'aria aperta vengano consentite

“Chiediamo alla Regione Emilia-Romagna di confermare la possibilità di praticare lo sci di fondo che ha tutte le caratteristiche per essere praticato come accade nelle altre regioni del nord: in Veneto, Lombardia, Val d’Aosta, Trentino Alto Adige è consentito e pensiamo ci siano tutte le condizioni per poterlo praticare da noi. Naturalmente parliamo della pratica per gli amatori, e non per professionisti per il quale ci sono regole a parte”.

La richiesta arriva da Lapam e riguarda le località dell’Appennino dove ci sono piste per lo sci di fondo (Frassinoro e in particolare Piandelagotti, ma anche l’area di Pievepelago a S.Annapelago e a Lama alle Piane di Mocogno), mentre anche il resto dell’Appennino (pensiamo, solo ad esempio, all’area di Sestola, Fanano e dintorni), offre la possibilità di ciaspolate ed escursioni all’aria aperta.

"Quello che chiediamo – prosegue Lapam – è la conferma ufficiale di poter aprire i centri fondo del nostro Appennino che sono già pronti ad aprire i battenti e, di conseguenza, le scuole di questa disciplina e le altre attività che orbitano attorno agli impianti dello sci di fondo. Sci di fondo significa sport all'aria aperta e in maniera singola e, in buona sostanza, non vediamo grandi differenze con il correre all’aperto. Mantenendo il distanziamento, senza impianti di risalita e spogliatoi, non ci sono problematiche di carattere epidemiologico. In più, anche se si tratta di uno sport non di massa, aprire a questa disciplina significa dare la possibilità alle attività collegate di poter lavorare in tutta sicurezza".

"Inoltre – prosegue Lapam – in Appennino c’è la possibilità di camminare e di fare ciaspolate sulla neve, tanto per fare solo qualche esempio. E’ evidente che lo spazio in montagna c’è e che queste attività sono consentite e che, dunque, le possibilità per passare qualche giorno in Appennino per praticare sport e in piena sicurezza c’è. Non dimentichiamo che nel nostro Appennino ci sono autentiche eccellenze dello sci di fondo, pensiamo ad esempio al comprensorio di Piandelagotti che è tra i più quotati a livello nazionale con decine di chilometri di piste, ma anche agli altri impianti".

Dpcm Natale 2020: chi si potrà spostare tra regioni e comuni anche dopo il 21 dicembre

Casa di riposo Cisa di Mirandola, salgono a 50 gli ospiti positivi

Dpcm Natale, Bonaccini: "Derogare per non lasciare soli papà e nonni"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Firmata l'ordinanza per la zona rossa, il testo e le nuove regole

Attualità

Zona rossa: a Modena asili, nidi e parrucchieri chiusi da lunedì

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento