Attualità

Medolla. Inaugurata la lapide che ricorda Webben Facchini, bersagliere e partigiano

La cerimonia questa mattina, davanti al teatro a lui intitolato

Nell’ambito delle celebrazioni in occasione del 25 aprile, dopo il tradizionale omaggio del sindaco ai cippi commemorativi (oggetto di un’operazione di recupero da parte del Comune), a Medolla questa mattina è stata inaugurata, sulla facciata del teatro che porta il suo nome, una lapide in ricordo di Webben Facchini, bersagliere e partigiano medollese, ucciso nel 1945 alla vigilia della Liberazione. Un progetto realizzato dal Comune di Medolla su proposta della sezione locale dell’ANPI, che alla cerimonia è intervenuta con il suo presidente Paolo Rocca, unitamente a Giuseppe Zavatta, presidente provinciale dell’Associazione Nazionale Bersaglieri.

A prendere la parola, a nome della famiglia di Facchini, prima della scopertura della lapide, avvenuta mentre la tromba dei Bersaglieri suonava il Silenzio, è stata Ilva Bianchini, nipote di Webben Facchini. Presenti anche sindaca e vicesindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi, Dora Bordini e Federico Pivetti, che ha salutato i presenti con un breve intervento sull’importanza della Memoria per le nuove generazioni, concetto ripreso anche dal sindaco Alberto Calciolari nel suo discorso: “Oggi portiamo a termine un progetto – ha commentato il primo cittadino – ma non finisce il nostro impegno, specie rivolto alle nuove generazioni, per trasmettere i valori fondanti della nostra Costituzione, quella di un Paese libero e democratico, che 76 anni fa si è liberato della dittatura”.

A chiudere la cerimonia, prima del canto “Bella Ciao” intonato dai presenti, il ricercatore Fabio Montella, che ha letto un profilo biografico di Webben Facchini, al quale è dedicata anche una lapide di cui si era persa memoria, vicino al luogo dove fu ucciso, riscoperta pochi giorni fa dall’ANPI di Medolla.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Medolla. Inaugurata la lapide che ricorda Webben Facchini, bersagliere e partigiano

ModenaToday è in caricamento