Frane e argini, cinque interventi urgenti lungo il Panaro e 60 cantieri in provincia

AiPo dà il via ai lavori urgenti di sistemazione delle arginature tra Castelfranco e Finale Emilia. Dalla Regione ok a molti interventi su tutto il territorio per 1,1 milioni

Nei prossimi giorni saranno avviati in rapida successione, a cura dell’Ufficio Operativo di Modena dell’Agenzia Interregionale per il fiume Po (AIPO), alcuni cantieri di messa in sicurezza delle arginature del fiume Panaro. Gli interventi sono finanziati con le risorse dei Decreti n. 54 del 02/04/2020 e n.  60 del 07/04/2020 del Presidente della Regione Emilia-Romagna relativi agli eccezionali eventi meteorologici del mese di novembre 2019 (OCDPC 622 del 17 dicembre 2019)” e del mese di maggio 2019 (OCDPC 600 del 26 luglio 2019).

“Si tratta di lavori per un importo complessivo di 1 milione e mezzo di euro – sottolinea l’Assessore regionale all’Ambiente Irene Priolo - necessari per la messa in sicurezza delle arginature del fiume Panaro. Uno sforzo importante e costante per la cura del nostro territorio messo a dura prova dai ricorrenti fenomeni alluvionali causati dalla crisi climatica intensificata negli ultimi anni con enormi costi sulla collettività. Una crisi che va contrastata a livello globale ma anche con azioni concrete sul territorio, come noi stiamo facendo”.

I lavori previsti consistono nella ripresa di alcuni dissesti spondali mediante formazione di scogliere in massi e nel contenimento di fenomeni di filtrazione e fontanazzi a campagna lungo cinque cantieri siti nei comuni di Castelfranco Emilia, Finale Emilia (loc. Cà Bianca) e Ravarino in provincia di Modena. I lavori saranno completati entro il prossimo mese di ottobre 2020.

A questi interventi si aggiungono poi ben 60 cantieri "minori" sparsi per tutta la provincia modenese. Si tratta di un maxi finanziamento regionale seguito ai danni causati dal maltempo del novembre scorso. Alla provincia di Modena sono andati 10 milioni e 170 mila euro: qui si può consultare la tabella con tutti gli interventi in programma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La Regione continua l’impegno per la messa in sicurezza e il ripristino in seguito al maltempo dello scorso novembre- dichiara l’assessore regionale alla Protezione civile, Irene Priolo-. Lunedì il Dipartimento nazionale di protezione civile ha dato il via libera al Piano di interventi predisposto per continuare il ripristino e la messa in sicurezza del territorio colpito dal maltempo di novembre. Era la precondizione fondamentale per utilizzare i fondi messi a disposizione dal Governo a inizio anno. Un risultato possibile perché nei mesi scorsi l’attività regionale di programmazione è sempre continuata, nonostante il grande impegno dell’intero sistema di protezione civile nell’affrontare l’emergenza Covid. Solo grazie a questo intenso lavoro sarà possibile svolgere nel corso dell’estate gli interventi attesi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piatto dell'anno 2021, Massimo Bottura sperimenta e vince ancora

  • Castelvetro, motociclista si scontra con un trattore e perde la vita

  • Rapina nella villa di Luca Toni, famiglia legata e minacciata con la pistola

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Nuovo Dpcm a breve: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Scuole, contagi in altre 21 classi. Cinque finiscono in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento