Castelfranco accende le luminarie, Gargano: "Natale è la quintessenza della democrazia"

Anche quest’anno saranno interamente a carico del Comune. Da inizio pandemia iniettati nel territorio 400mila euro a sostegno di famiglie e imprese

Il Natale è la quintessenza della democrazia, è e deve essere un bene di tutti, nessuno escluso, senza divisioni per categorie, credo religioso, attività lavorativa, o preferenza politica, ed è per questo motivo che, anche quest’anno, il costo per le luminarie natalizie sarà completamente a carico del Comune”. E’ così che il Sindaco di Castelfranco Emilia Giovanni Gargano ha annunciato il via ai lavori per il montaggio delle luminarie, in città e su tutto il territorio, frazioni comprese, iniziato nella giornata di venerdì.

Senza dimenticare che – ha poi aggiunto – è ben dal 2014, dal mio insediamento al tempo in qualità di Assessore al Commercio e al Decoro Urbano e su iniziativa pienamente condivisa dall’allora Giunta, che da noi il costo delle luminarie, così come il costo per l’occupazione di suolo pubblico per le attività commerciali, è completamente a carico dell’Amministrazione Comunale, figuriamoci se potevamo fare una scelta anche sol minimamente diversa quest’anno, con tutte le difficoltà che le famiglie stanno affrontando. Impensabile".

"Da inizio pandemia, è doveroso ricordarlo, ci siamo attivati immediatamente, senza perdere tempo, per sostenere con concretezza le famiglie, ma anche il commercio e tutto il tessuto economico del nostro territorio per un ammontare totale di 400mila euro. Una cifra complessivamente molto importante e significativa, tutte risorse del nostro Comune che, attraverso precise scelte di bilancio decise senza alcun tentennamento, sono state destinate con priorità assoluta al sostegno, concreto e fattivo, al nostro territorio. E ora, come detto, arrivano anche le luminarie. Certo, inutile nascondersi: sarà un Natale probabilmente anomalo, almeno per come siamo stati abituati a viverlo da sempre, a causa delle restrizioni finalizzate a contrastare la pandemia da covid19 con cui dobbiamo fare i conti, ma desidero fortemente che tutto il nostro territorio sia comunque ancora più bello e pieno di luci. Perché queste luci – ha concluso – devono unirci ancora di più, tutti e senza distinzione alcuna, in un forte messaggio di abbraccio e di unità, così come ci insegna appunto il Natale, da sempre simbolo di nascita e, soprattutto, di speranza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento