menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Percorsi natura del Panaro, Secchia e Tiepido: 400mila euro per manutenzioni

Accordo fra la Provincia e i Comuni interessanti. 140mila euro all'anno fino al 2023

Per le manutenzioni dei Percorsi natura del Secchia, del Panaro e del Tiepido, la Provincia e i Comuni attraversati mettono a disposizione, per i prossimi tre anni, risorse per oltre 400 mila euro.  L'accordo tra gli enti, approvato dal Consiglio provinciale, lunedì 28 settembre, garantisce, fino al 2023, una quota annuale di oltre 140 mila euro per effettuare gli sfalci periodici della vegetazione e le potature ai lati dei percorsi, al fine di evitare situazioni di rischio per gli utenti, ma anche la manutenzione e il ripristino del fondo, oltre agli interventi di messa in sicurezza per i danni in caso di piena e maltempo.

«L'obiettivo - ha sottolineato il presidente della Provincia Gian Domenico Tomei - è     quello di garantire una gestione unitaria e coordinata degli interventi di manutenzione su questi percorsi che sono stati realizzati dalla Provincia negli anni scorsi, lungo gli argini dei tre corsi d'acqua principali del territorio modenese, molto frequentati, soprattutto nei fine settimana, da ciclisti e podisti. Le risorse - aggiunge Tomei - previste da questo accordo triennale sono aumentate rispetto agli anni precedenti, sulla base della ricognizione delle necessità individuata insieme ai Comuni». 

I lavori sul Panaro e sul Tiepido saranno eseguiti dalla Provincia, mentre quelli sul Secchia saranno assicurati dall'Ente Parchi Emilia centrale, in accordo e con le risorse degli enti locali. La Provincia per questi interventi mette a disposizione circa 40 mila euro all'anno. 

Per il Percorso del Panaro sono disponibili quasi 48 mila euro all'anno, con il contributo dei Comuni attraversati: Modena, Castelfranco Emilia, Spilamberto, Vignola, Marano sul Panaro e San Cesario sul Panaro; per il Percorso del Tiepido le risorse ammontano a oltre 36 mila euro con risorse dai Comuni di Modena, Castelnuovo Rangone, Formigine e Maranello; per il Percorso del Secchia le risorse arrivano a 58 mila euro con il contributo dei Comuni di Modena, Soliera, Carpi, Novi, Sassuolo, Formigine e Prignano.

La manutenzione straordinaria resta a carico della Provincia, mentre per quanto riguarda la vigilanza gli enti locali si impegnano a garantire il servizio con la collaborazione delle Guardie ecologiche volontarie. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento