rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Attualità

Codici bianchi e verdi fuori dai Pronto Soccorso, accordo con i medici per i nuovi "CAU"

L’intesa tra FIMMG e Regione individua le modalità con le quali i medici di continuità assistenziale (ex guardie mediche) opereranno all’interno della nuova rete dei Centri di Assistenza Medica per le Urgenze. Fondamentale anche il numero telefonico 116117 per le urgenze

Prosegue a passi spediti la riforma dell’emergenza urgenza voluta dalla Regione Emilia-Romagna, alle prese con una vera rivoluzione di questo servizio. È stata infatti firmata l’intesa tra la Regione e l’organizzazione sindacale dei medici di Medicina generale FIMMG secondo la quale le “guardie mediche”, ora Medici di Continuità Assistenziale, opereranno in equipe nei Centri di Assistenza Medica per le Urgenze (CAU) su base territoriale, che la Regione sta realizzando.

I Cau si occuperanno della gestione dei bisogni urgenti di salute di cittadini a bassa complessità, per lo più identificabili di norma come codici bianchi e verdi. Questi ultimi oggi rappresentano circa il 70% delle prestazioni che si riversano nei Pronto Soccorso: la riforma punta proprio a "svuotare" le strutture ospedaliere dai casi meno gravi che oggi le mettono in seria crisi.

Alle organizzazioni sindacali in questione fanno capo sia i medici di famiglia (tecnicamente definiti “ruolo unico di assistenza primaria a ciclo di scelta”) sia le ex guardie mediche (“ruolo unico di assistenza primaria ad attività oraria”) ma saranno soprattutto queste ultime a ad avere una funzione decisiva nel nuovo modello che va delineandosi. Un modello che è stato studiato e che passa ora alla fase più operavica e organizzativa. Con la grande incognita di come i cittadini sapranno comprendere la novità e "rinunciare" al Pronto Soccorso tradizionale: serviranno tempo e una campagna di comunicazione di alto impatto.

L'intesa sui codici bianchi e verdi

L’intesa tra Regione e medici individua due canali distinti: le urgenze a bassa complessità risultano fondamentalmente in capo alle ex guardie mediche e, in via subordinata e volontaria, ai medici di famiglia, lasciando in capo a 118, Pronto Soccorso e DEA (i Dipartimenti di Emergenza Urgenza e Accettazione presso gli ospedali) le emergenze di complessità media o elevata.

Rientrano nel primo caso le situazioni in cui il paziente può camminare autonomamente, manifesta dolore lieve o moderato, presenta un quadro clinico la cui diagnosi può risolversi in sede magari dopo un ecocardiogramma, un’ecografia, dei raggi dove previsti o esami biochimici di base. Può anche essere il caso di situazioni non gravi che prevedono sintomi gastroenterici, febbre non all’esordio, lombalgia, dolori articolari non traumatici, ustioni minori, stati ansiosi, vertigini, ma anche medicazioni o rimozioni di punti per turisti o studenti fuori sede temporaneamente sprovvisti di medico curante.

Dopo la visita, il paziente può essere rinviato al proprio medico curante, o viceversa essere inviato al Pronto soccorso se si riscontrano situazioni di emergenza clinica. I medici del CAU infatti saranno collegati telefonicamente con la centrale operativa del 118 e avranno a disposizione orari e numeri telefonici dei medici curanti. Sarà più facilmente indirizzato al Pronto soccorso chi denunci per esempio un dolore toracico, un forte dolore addominale, una cefalea intensa e inusuale, un disturbo neurologico acuto o difficoltà di respirazione.

Come funzioneranno i Centri di Assistenza Medica per le Urgenze (CAU)

I luoghi fisici dove saranno gestite le urgenze a bassa complessità saranno appunto i CAU, strutture da realizzare diffusamente sul territorio - almeno una per distretto - per garantire la copertura per tutta la popolazione regionale, con particolare attenzione alle zone non urbane o meno popolate: istituiti preferibilmente presso le Case della comunità, ma anche presso locali idonei messi a disposizione da Aziende sanitarie o Comuni, oppure ottenuti dalla riconversione di Pronto soccorso e punti di primo intervento o attivati presso gli ospedali territoriali di prossimità sprovvisti di DEA. Anche una forma aggregativa strutturata di medicina generale, organizzata e idonea, potrà essere sede di tali setting assistenziali.

I CAU saranno attivi 7 giorni su 7 con l’obiettivo di coprire le 24 ore, in rapporto al volume di attività previsto e alle esigenze del territorio.

Le strutture saranno dotate di sala di attesa, sala visita, sala di osservazione breve post visita, servizi, sistema informatico, adeguate strumentazioni tecnico-sanitarie per i principali esami diagnostici e dovranno vedere all’opera almeno un medico e un infermiere. Tale personale non potrà svolgere contemporaneamente attività assistenziale domiciliare. L’allestimento della strumentazione tecnologica sarà a carico della Regione e andrà di pari passo con le attività di formazione necessarie per i medici della struttura.

Ai medici in servizio, come riconoscimento dell’impegno richiesto, sarà assegnato un incentivo orario addizionale di 18,35 euro che si aggiungono ai 23,65 euro previsti dal contratto nazionale.

La riforma del sistema Emergenza Urgenza

La riforma è frutto del lavoro del Coordinamento regionale per l'emergenza-urgenza ospedaliera e territoriale e parte dalla considerazione che il 66% degli accessi al pronto soccorso in Emilia-Romagna, che  nel 2022 complessivamente sono stati circa 1.750.000, riguarda codici bianchi o verdi: accessi impropri che nel 95% dei casi non hanno avuto bisogno di ricovero e avrebbero potuto essere gestiti da altre strutture, alleggerendo così la pressione sul pronto soccorso e riducendo i tempi di attesa.

Queste strutture territoriali di riferimento saranno i Centri di Assistenza e Urgenza (CAU), dotati di personale medico (preferibilmente appunto le ex guardie mediche), infermieristico e, se necessario, operatori sociosanitari. Aperti non meno di 12 ore su 24, avranno tutto per accogliere pazienti con problemi urgenti a bassa complessità: competenze cliniche e assistenziali, capacità diagnostica, grazie a laboratori e possibilità di svolgere esami sul posto, supporto specialistico, anche con il ricorso alla telemedicina. I CAU sono destinati a coprire un bacino di utenza tra i 35mila e i 75mila abitanti.

Nei centri maggiori è prevista presenza di un CAU in prossimità di un DEA, proprio per consentire la corretta gestione dei flussi di pazienti. Al CAU si accederà su indicazione del numero unico 116117, dei medici di famiglia, dei medici del pronto soccorso, ma sarà possibile anche l’accesso diretto. Ogni CAU avrà un ospedale polispecialistico o distrettuale di riferimento per garantire continuità ai percorsi assistenziali.

Il potenziamento del servizio telefonico

Nel 2022 il 76% dei cittadini è arrivato autonomamente al Pronto soccorso, solo il restante 24% è stato mediato dal 118. L’ambizioso obiettivo della Regione è quello di arrivare a mediare progressivamente la quasi totalità degli accessi, consentendo la presa in carico precoce e la corretta distribuzione dei pazienti.

La riforma prevede a regime il potenziamento del servizio telefonico: sarà infatti attivato un numero unico europeo, il 116117, per gestire i primi contatti con l’utenza. Questo servizio telefonico affiancherà le strutture del 118 e rappresenterà il primo varco per accedere ai servizi: il modello prevede la presenza di medici e infermieri nelle tre centrali operative regionali a Parma, Bologna (che servirà anche Modena) e Ravenna, la disponibilità maggiore del servizio di elisoccorso per i casi più urgenti e sistemi informativi in grado di monitorare in tempo reale la situazione degli accessi. Il primo contatto si avrà con un operatore, cui seguirà un infermiere e se necessario un medico. I medici non si limiteranno a supportare la centrale operativa e a supervisionare le situazioni critiche, ma indirizzeranno le risorse e le squadre a disposizione, partecipando così al governo complessivo del sistema di emergenza pre-ospedaliero e ospedaliero.

Gratuito, disponibile a tutti i cittadini, italiani e stranieri, raggiungibile 24 ore al giorno 7 giorni su 7 da qualunque apparecchio, il servizio 116117 fornirà assistenza e informazioni e distinguerà l’emergenza dall’urgenza grazie a un pre-triage telefonico.

Nel primo caso i cittadini saranno indirizzati ai pronto soccorso tradizionali; nel secondo invece entreranno in scena i CAU, oppure un servizio domiciliare a cura di un’equipe specializzata. Ci sarà anche la possibilità che il caso si esaurisca fornendo semplici informazioni, oppure indicando i centri di orientamento territoriale per la presa in carico e l’avvio di successivi percorsi terapeutici.

È previsto infine anche un potenziamento della struttura operativa del 118 sia per garantire il trasporto su gomma o in elicottero (per il quale si è passati dagli 88.162 minuti di volo nel 2013 ai 117.988 minuti nel 2022) sia per affinare il suo ruolo di assistenza pre-ospedaliera, in stretto contatto con i medici che prenderanno in cura il paziente.

Le dichiarazioni

“Una intesa importantissima quella raggiunta con i sindacati dei medici di Medicina generale, perché il loro contributo è fondamentale per rendere ancor più efficiente e capace di rispondere alle nuove esigenze di cura e assistenza un sistema che così non è più sostenibile- spiega l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini-. Si tratta di un passaggio fondamentale: certo ci vorrà tempo e gradualità per attuare questa riforma, ma sono fiducioso che presto arriveremo a un sistema più efficace e sostenibile, a garanzia della salute dei cittadini e della qualità del lavoro dei professionisti”.

L’accordo, “Coinvolgimento dei medici del ruolo unico di assistenza primaria nelle strutture territoriali per urgenze a bassa complessità”, parte da due premesse: il coinvolgimento dei medici del ruolo unico di assistenza primaria nell’organizzazione e nella programmazione dell’attività territoriale a livello distrettuale, aziendale e regionale è una esperienza consolidata che caratterizza l’Emilia-Romagna come Regione all’avanguardia; i medici hanno confermato la propria disponibilità a partecipare attivamente al percorso di riorganizzazione dell’emergenza-urgenza, sia garantendo il supporto nella fase di programmazione che rendendosi disponibili, ove possibile, all’attivazione di strutture territoriali per urgenze a bassa complessità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Codici bianchi e verdi fuori dai Pronto Soccorso, accordo con i medici per i nuovi "CAU"

ModenaToday è in caricamento