Messo in sicurezza dopo il crollo l'ex Mulino di Corlo

L’intervento, eseguito da privati, segue il crollo di alcune strutture interne dell’edificio, avvenuto nella serata di venerdì

Sono stati effettuati tra sabato e domenica gli interventi necessari  per garantire il ripristino delle condizioni di pubblica sicurezza, a seguito dei crolli che nella serata di venerdì 16 ottobre hanno interessato alcune strutture interne dell’ex mulino di Corlo, generando il distacco di porzioni di laterizio.

L’edificio, disabitato, è direttamente prospiciente via Radici in Piano (al civico 182), strada caratterizzata da un alto livello di traffico veicolare. Subito sul posto sono accorsi i Vigili del Fuoco e gli agenti di Polizia locale che hanno interdetto il traffico, ora regolarmente riaperto.

Il fabbricato ha un vincolo di conservazione dato dalla Pianificazione Territoriale che ne prevede l’intervento con la tipologia della ristrutturazione Edilizia ma ne prescrive “la conservazione della facciata principale”.

Anche dopo questi interventi urgenti è necessario, da parte della proprietà, un monitoraggio continuo delle condizioni di stabilità del fabbricato, l’installazione di un ponteggio sulla via Radici in Piano a protezione della facciata e l’esecuzione di opere “temporanee” d’impermeabilizzazione dei muri e dei solai rimasti per evitare successivi ammaloramenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

  • Covid a Modena: scendono rispetto a ieri i nuovi casi. Ancora 11 i decessi

  • Prodotti "non essenziali" accessibili ai clienti, multe per due ipermercati

  • Conferma dal Ministero, l'Emilia-Romagna torna in "zona gialla"

Torna su
ModenaToday è in caricamento