Messe a porte chiuse nei giorni feriali, la nuova indicazione dei Vescovi

Luoghi di culto aperti per la preghiera individuale, ma niente fedeli per le celbrazioni: è la sintesi delle scelte comunicate dalla CEI per l'Emilia Romagna, in attesa di riaprire per il fine settimana

Le chiese resteranno aperte per le preghiere individuali. Ma per tutta la settimana le messe feriali andranno celebrate senza fedeli. è la disposizione data oggi dai vescovi dell'Emilia-Romagna, tenendo in considerazione sia la comunicazione odierna della Cei sia il decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri sull'emergenza coronavirus. Le indicazioni, tra l'altro, sono state prese "in comunione con i vescovi della Lombardia e della Provincia ecclesiastica Veneta". 

La Cei dell'Emilia-Romagna, guidata dal cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna, assicura che "il nostro desiderio più profondo era e rimane quello di favorire e sostenere la domanda dei fedeli di partecipare all'eucaristia". Ma viste appunto le disposizioni assunte a livello nazionale, "a differenza di quanto precedentemente disposto chiediamo ai sacerdoti, alla luce della delicata situazione sanitaria e delle richieste delle autorità competenti, di celebrare le messe feriali senza la partecipazione dei fedeli sino a sabato". 

Altre indicazioni saranno date "entro venerdi' 6 marzo, alla luce di ulteriori sviluppi e delle decisioni delle istituzioni". In ogni caso, i vescovi dispongono che "le chiese continuino a restare aperte, nel rispetto delle norme del decreto, per la preghiera". I vescovi dell'Emilia-Romagna si dicono "consapevoli della sofferenza e del disagio arrecato dalla situazione", ma confidano che "le misure di rigore alle quali aderiamo per senso di responsabilità a tutela della salute pubblica siano condivise da tutte le istituzioni ecclesiali e civili e accolte in ogni ambito in modo corale". La Cei regionale ringrazia "sacerdoti, collaboratori, operatori sanitari e di ordine pubblico e tutti i volontari per l'opera svolta, incoraggiandoli a perseverare nel loro servizio".

Tutte le altre indicazioni previste la settimana scorsa dai vescovi dell'Emilia-Romagna vengono confermate. Restano quindi sospese le attività parrocchiali di ogni tipo (formative, aggregative e sportive) ed è disposta la chiusura degli spazi aperti al pubblico. Gli incontri di catechismo e del dopo-scuola riprenderanno alla riapertura delle scuole, mentre i centri d'ascolto e i servizi delle Caritas diocesane e parrocchiali "svolgeranno la propria attività in accordo con le rispettive diocesi e secondo le indicazioni delle competenti autorità territoriali". Restano sospese le visite alle famiglie per le benedizioni pasquali, mentre sono consentite le "consuete visite ai malati e l'unzione degli infermi". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(DIRE)
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Contagio, 12 casi nel modenese. Nessun rientro dall'estero

  • Investe un ciclista e fugge, caccia ad un'auto-pirata a Vignola

  • Piano antismog, dal gennaio 2021 blocco per diesel Euro 4 (ed Euro 5)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento