Covid, Modena sperimenterà nei suoi ospedali il vaccino AstraZeneca-Oxford

Policlinico e Ospedale di Baggiovara sono fra i 7 centri italiani selezionati. Pre.ordinate 30 milioni di dosi dall'Unione Europea

L’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena è uno dei sette centri italiani scelti per testare il vaccino contro il coronavirus sviluppato dall'Università di Oxford in collaborazione con AstraZeneca. Il centro è l’unico partecipante della regione. Sarà suo compito arruolare e seguire 300 pazienti provenienti da tutta l’Emilia Romagna. 

l vaccino anti-Covid prodotto dall'università di Oxford e AstraZeneca grazie alla collaborazione dell'Irbm Pomezia potrebbe concludere la fase di sperimentazione clinica alla fine di novembre. "Allo stato attuale tutto procede nel migliore dei modi" spiega Piero Di Lorenzo, presidente e amministratore delegato di Irbm ai microfoni della trasmissione 'L'Italia s'è desta' su Radio Cusano Campus.

"Noi ci aspettiamo che alla fine di novembre possa essere conclusa la fase tre della sperimentazione clinica, a quel punto la parola passerà alle agenzie regolatorie - ha affermato nei giorni scorsi Piero Di Lorenzo, presidente e amministratore delegato di Irbm ai microfoni della trasmissione 'L'Italia s'è desta' su Radio Cusano Campus - I tempi normale potrebbero essere 6-8 mesi, ma in una situazione così importante penso che le agenzie regolatorie cercheranno di ridurre i tempi per dare una risposta nel giro di qualche settimana".

"Questo non vuol dire che il vaccino non sarà sicuro. I tempi che possono essere accorciati infatti sono quelli della burocrazia, della normale pratica dell'iter burocratico. Mentre tutti i tempi dovuti ai controlli scientifici saranno mantenuti in maniera severa".

Vaccino, 30 milioni di dosi all'Unione Europea entro fine anno

"Non esiste una multinazionale disposta a mettere in gioco la propria credibilità - spiega Di Lorenzo - e la propria reputazione scientifica per accorciare oltre il consentito i termini di una valutazione, sarebbe assurdo. Per questo è un argomento su cui si può essere più che sicuri. Il comune buonsenso lo porta a capire facilmente, solo che il comune buonsenso non è comune a tutti, quindi c'è sempre qualcuno che fa retro pensieri. Il problema è riuscire ad arrivare alla fine dei test senza che si verifichino eventi avversi. Se così sarà, le agenzie regolatorie impiegheranno 3-4 settimane e si arriverà ad una consegna delle prime 20-30 milioni di dosi all'Unione Europea entro fine anno. Se anziché prendere 4 settimane se ne prenderanno il doppio allora si arriverà a gennaio. Attaccarsi al discorso se sarà fine anno o inizio gennaio, la vedo piu' una questione teorica che con risvolti pratici. La gente vuole capire se in tempi certi potremo avere tutti a disposizione uno strumento per contrastare la pandemia e per tornare ad un minimo di vita normale dal punto di vista sociale, ma soprattutto economico".

Il contratto tra la Commissione Europea e Astrazeneca

Il contratto ufficiale tra AstraZeneca e la Commissione Ue è stato firmato lo scorso agosto e negoziato per conto degli Stati membri dell'UE con una società farmaceutica. Il contratto permetterà di acquistare un vaccino contro la COVID-19 per tutti gli Stati membri dell'UE, oltre che di donarlo ai paesi a reddito medio-basso o ridistribuirlo ad altri paesi europei.

Nel contratto c'è scritto che le prime dosi - se il vaccino dovesse essere confermato come sicuro - saranno già disponibili entro la fine del 2020.

Bollettino regionale, oggi 23 decessi

Oggi a Modena boom di positivi, oltre 300 i ricoverati

A Mirandola un'azienda investe sulle mascherine trasparenti

Covid e stress, al volante più distratti e aggressivi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

  • Coronavirus, scendono i casi attivi e i ricoveri in regione. Modena conferma il calo

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

Torna su
ModenaToday è in caricamento