Scomparso Luigi Vallini, storico esponente della Democrazia Cristiana modenese

Il politico modenese aveva 88 anni ed era stato consigliere comunale di opposizione per quasi vent’anni. Per Muzzarelli la perdita di “un amico sincero”. Cordoglio anche della presidente Maletti

“Perdo un amico sincero che in questi anni ha collaborato in modo attivo e sempre entusiasta con l’Amministrazione comunale”. Il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli ricorda così Luigi Vallini scomparso all’età di 88 anni, che dal 1980 al 1999 è stato consigliere comunale di opposizione, prima nella Dc, poi nel Polo per Modena e quindi come esponente del Ccd guidando la lista alle elezioni del 1999 nelle quali risultò il primo dei non eletti. Dopo l’esperienza in Consiglio comunale, Vallini ha ricoperto anche l’incarico di consigliere della Fondazione San Carlo.

“Ci stimavamo da tempo – aggiunge Muzzarelli – e apprezzavo in lui il grande fervore, l’onestà, l’energia, la passione per una ricostruzione storica precisa e condivisa. Lo ricorderemo come merita e proporrò di dedicargli una sala in un luogo di educazione e formazione, temi sui quali si è sempre distinto per l’impegno”.

Anche la presidente del Consiglio comunale Francesca Maletti ha espresso cordoglio per la scomparsa “di un protagonista della storia politica locale, per quasi vent’anni in Consiglio distinguendosi per le tante battaglie combattute dai banchi dell’opposizione avendo a riferimento i valori del cattolicesimo liberale. In tanti hanno apprezzato negli anni il suo acume e la meticolosità nel controllo degli atti amministrativi, oltre alla passione politica e al rispetto per l’avversario, mai venuto meno nemmeno nei momenti di confronto più caldi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Negli ultimi anni aveva rivolto il proprio impegno alal valorizzazione della storia degli esuli istriano-dalmati sul territorio modenese, curando per altro un libro sulla storia del Villaggio San Marco, allestito nel 1954 all'interno del campo di Fossoli di Carpi proprio per ospitare i connazionali in fuga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio, un nuovo caso a Modena. Deceduta una donna di Pavullo

  • Chiude anche la Cornetteria: "Queste regole impediscono di lavorare"

  • Coronavirus, tornano a crescere i casi in regione. "Stiamo testando gli asintomatici"

  • Perdite dimezzate, Coop Alleanza 3.0 risale e apre 40 punti vendita

  • Fase 2, buone notizie per chi deve prendere la patente: c'è la data per la riapertura delle scuole guida

  • Contagio, ancora due positivi nel modenese. Ennesimo decesso in Appennino

Torna su
ModenaToday è in caricamento