menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, morto a 67 anni il noto otorino Giorgio Guidetti

Originario di Reggio, ha lavorato in diverse strutture pubbliche e private del modenese. Era anche presidente della Società Italiana di Vestibologia

Dopo un lungo ricovero per un'infezione da coronavirus è deceduto oggi il dott. Giorgio Guidetti, 67 anni, che da tempo era ricoverato in gravi condizioni presso il Policlinico di Modena. Guidetti è stata una figura di assoluto rilievo nel panorama della Vestibologia, dell’Otorinolaringoiatria che si occupa delle patologie del vestibolo, tra cui vertigin e labirintiti. Da sette anni era, non a caso, presidente della Società Italiana di Vestibologia.

Originario di Reggio Emilia, laureatosi a Modena e specializzatosi anche a Milano, Guidetti ha trascorso la parte più significativa della sua vita professionale proprio a Modena. Negli anni ha lavorato presso l'Ospedale Ramazzini di Carpi e il Policlinico, per poi passare al settore privato.

Da giugno 2015, in collaborazione con il figlio Riccardo, lavorava esclusivamente presso il Poliambulatorio Chirurgico Modenese (PCM) e coordinava la terapia rieducativa per le vertigini e l'instabilità cronica presso il centro Riacef di Fiorano Modenese.

“È con grande tristezza e dolore che abbiamo appreso oggi della scomparsa del dottor Guidetti, anche lui vittima di questa pandemia che sembra non concederci tregua – afferma il dottor Sauro Tassi, direttore dell’U.O. di Otorinolaringoiatria dell’Ospedale Ramazzini di Carpi –. È stato un professionista molto stimato a livello nazionale e internazionale per il suo impegno nel campo della vestibologia, collocandosi come punto di riferimento sia clinico che scientifico. Delle sue grandi qualità professionali sono testimonianza i numerosi articoli scientifici, i corsi e i congressi che ha organizzato promuovendo una specialità nella specialità: la vestibologia nell’ambito dell’otorinolaringoiatria. A nome di tutti colleghi dell’ospedale Ramazzini, dove il dottor Guidetti ha trascorso cinque anni della sua gloriosa professione, che esprimo un messaggio di cordoglio e un abbraccio alla famiglia”.

“Era un profondo conoscitore della vestibologia, in particolare per quanto riguarda la riabilitazione e la rieducazione vestibolare – è il ricordo del dottor Maurizio Negri, dirigente medico dell’Otorinolaringoiatria di Carpi, collega e amico del dottor Guidetti –. Il suo arrivo a Carpi ha coinciso con la nascita di un centro di eccellenza per la diagnosi delle patologie vestibolari ma soprattutto il centro da lui guidato è stato molto importante per la riabilitazione di tantissimi pazienti affetti da vertigini invalidanti. Personalmente ritengo che il suo contributo scientifico abbia determinato una crescita professionale nei medici e nei tecnici di audiometria che hanno avuto il privilegio di lavorare con lui negli anni trascorsi nel nostro ospedale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento