menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

CUBO.M il museo di cucine Bompani. 70 anni di made in Italy e design degli elettrodomestici

Nel cuore dell’Emilia-Romagna inaugura il primo museo dedicato alla storia dell’elettrodomestico: CUBO.M racconta le cucine a marchio Bompani, storica azienda di Modena in un periodo che abbraccia quasi 70 anni

Anche un elettrodomestico può essere lo specchio fedele della società che cambia. Con questo presupposto apre le porte CUBO.M il museo dedicato alla storia delle cucine: la narrazione del Made in Italy, attraverso il racconto della storia di Bompani, storico marchio di elettrodomestici.

Storia del marchio

Era il 1954 quando Renzo Bompani fondò a Modena la Smalteria Metallurgica Ghirlandina che è diventata negli anni uno dei produttori italiani di riferimento nel settore delle cucine domestiche: oggi, 66 anni dopo, debutta il museo CUBO.M ospitato nella sede modenese dell’azienda, che appena possibile potrà essere visitata anche di persona.

VIDEO | Inaugura il museo Bompani, 70 anni di storia e design della cucina made in Italy

All’inizio degli anni ‘60 l’azienda passa gradualmente dalla dimensione artigianale a quella industriale. Con il boom economico c'è un aumento esponenziale dei consumi che spinge anche il marchio Bompani ad espandersi prima con la costruzione di un nuovo stabilimento modenese, poi con l'affermazione del marchio anche all'estero.

Gli anni Settanta si aprono con uno degli eventi più significativi e ricchi di conseguenze nella storia Bompani: nel giugno 1970 inaugura lo stabilimento di produzione a Ostellato in provincia di Ferrara.  Si tratta di uno stabilimento dotato di una delle più grandi smalterie d’Europa: oltre 30.000 mq in cui arrivano a essere impiegati 500 dipendenti. Sono anche gli anni in cui i primi allacciamenti al gas metano consentono di togliere il vano porta bombola e di ridurre le dimensioni d’ingombro della cucina: nel 1971 nasce così il modello 9100, la cucina che viene simpaticamente battezzata “Baby” e che è diventata nel tempo la cucina più venduta in Italia.

L'ultimo ventennio del Novecento (anni ’80 e ’90) è un periodo che cambia radicalmente il modo di fare industria e anche Bompani lo attraversa con momenti di crisi e di successi.

“Con la nascita di questo museo abbiamo realizzato un sogno che avevamo nel cuore da tempo – spiega Enrico Vento, amministratore delegato di Bompani - Volevamo raccontare l’epopea di un marchio storico italiano e ripercorrere un pezzo di storia da un punto di vista privilegiato per noi emiliani: quello della cucina. La storia del brand BOMPANI è anche quella di tanti imprenditori e operai che nel secondo dopoguerra, partendo dal nulla, hanno dato vita al più grande patrimonio della nostra economia di oggi: il Made in Italy. Il museo della cucina Bompani vuole raccontare la nostra idea di Made in Italy e di impresa, fatta di bellezza, di cultura e di una sapiente manifattura. CUBO.M è un percorso nel tempo attraverso immagini, filmati, racconti e testimonianze dirette nel quale tutti potranno un po’ riconoscersi”.

Il  museo

L’intero percorso museale, curato da Paolo Battaglia, include modelli originali di cucine risalenti a ogni decennio a partire dagli anni 50. “Il modello 9100 del 1971, simpaticamente battezzato “Baby” è stata per molti anni la cucina più venduta in Italia, e si è conquistata un posto nella collezione permanente del Triennale Design Museum, il primo museo del design italiano.” spiega Rebecca Michinelli, Responsabile del Museo.

Il percorso offre anche una ricca raccolta di immagini d’epoca e video con le testimonianze dei dipendenti e collaboratori: insieme raccontano la storia di una tradizione manifatturiera e di una comunità lavorativa che hanno contribuito alla storia industriale e del costume italiano; il percorso è stato trasposto in un coinvolgente tour virtuale accessibile in Italia e all’estero.

L’esposizione mostra la storia aziendale in continuo dialogo con la storia industriale italiana e più in generale con l'evoluzione della cultura materiale. Attraverso questo intreccio, il Museo guida i suoi visitatori attraverso tre percorsi tematici: la bellezza e l’evoluzione dello stile italiano attraverso l’esposizione dei prodotti storici di Bompani; la manifattura italiana che sarà il racconto dell’epopea imprenditoriale dagli anni del miracolo economico ad oggi; la cultura e in particolare l’evoluzione della vita in cucina degli italiani.

Il progetto è stato reso possibile grazie al cofinanziamento del Programma operativo del Fondo europeo di sviluppo regionale (Por Fesr) 2014-2020 della Regione Emilia-Romagna, nell’ambito del Bando per il sostegno ai progetti rivolti al miglioramento dell’attrattività turistico-culturale del territorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagio, oggi 379 casi e 7 decessi in provincia di Modena

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento