menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

#Nataleacolori2020, dai bambini delle scuole videomessaggi e disegni per le strutture sanitarie

L’emergenza Covid non ferma il progetto che coinvolge classi di tutta la provincia. Nuove modalità, stesso obiettivo: fare sentire meno soli i pazienti all’interno dei luoghi di cura. E allietare il lavoro dei professionisti sanitari

Sarà un Natale particolare, ma non per questo meno sentito. Anzi, l’emergenza sanitaria, con tutte le difficoltà di fare visita ai pazienti all’interno degli ospedali e agli ospiti delle strutture di residenza per anziani e per disabili, ha reso ancora più urgente la necessità di far sentire vicinanza e calore, soprattutto nei giorni di festa, a chi si trova nei luoghi di cura. Un “compito” che da 21 anni assolve Natale a colori, - quest’anno ribattezzato “E’ sempre un Natale a colori” - l’iniziativa che, grazie al coinvolgimento di studenti e classi di tutta la provincia, porta l’atmosfera di festa nelle strutture sanitarie e sociosanitarie, allietando le giornate di ospiti e pazienti, soprattutto dei più fragili.

Seppure con nuove modalità, anche questo Natale sarà “a colori”: videomessaggi, testi, disegni, foto di manufatti o addobbi natalizi, pensieri augurali, canzoni e poesie realizzati dai bambini delle scuole, saranno mostrati dagli operatori sanitari tramite tablet o cellulare a pazienti e ospiti. Per agevolare l’invio e la fruizione degli elaborati digitali è stato creato un hashtag, #nataleacolori2020, che sarà possibile utilizzare sui social (Instagram e Facebook in particolare). Si apre così l’opportunità, per tutti, di inviare un messaggio di calore e vicinanza, anche per i singoli cittadini – e per i più piccoli in particolare attraverso i loro genitori – che possono così aderire anche a titolo personale all’iniziativa tramite i social network.

Natale a colori, dunque, dice presente anche quest’anno, avvicinando il mondo della scuola alle persone in condizione di fragilità, favorendo la cultura del dono come valore sociale, e incoraggiando lo scambio intergenerazionale fra bambini e persone anziane o fragili che si trovano in ospedale o in strutture di accoglienza.

Con la seconda ondata in corso, bisognava pensare a qualcosa di diverso per fare arrivare il calore e lo spirito natalizio all’interno delle strutture sanitarie – dichiara Claudia Baccolini, coordinatrice del progetto provinciale Natale a Colori –. Non potevamo sospendere l’edizione di quest’anno a causa del Covid: le festività natalizie arriveranno in un periodo duro e faticoso per tutti, ancora di più per pazienti e ospiti delle strutture, ma anche per gli operatori sanitari. Natale a colori è dunque un piccolo ma importante segnale di speranza che si accende su questo momento così delicato”.

Natale a colori è un progetto promosso dall'Azienda USL di Modena e dall'Ufficio Scolastico Regionale (Ufficio VIII - Ambito territoriale per la provincia di Modena), rientra nel programma territoriale della provincia di Modena "Comunicazione e promozione della salute" ed è sostenuto dalla Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria. Contando anche sul coinvolgimento di Comuni, soggetti privati e associazioni di volontariato, l’iniziativa si è consolidata negli anni grazie al contributo essenziale degli insegnanti delle scuole della provincia che coinvolgono gli alunni nella produzione di disegni, oggetti o anche vere e proprie rappresentazioni che vengono poi portate nei luoghi di cura del territorio. Contribuendo così a sostenere il protagonismo dei bambini in un percorso educativo orientato alla solidarietà e alla promozione del benessere delle persone, risultando al contempo particolarmente gradito ai pazienti e al personale delle strutture di cura e di assistenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento