Niente ricreazione alle Scuole Paoli, protesta e flash mob degli studenti

L’idea di far trascorrere il periodo di ricreazione in classe agli studenti della scuole medie "Paoli" non è piaciuta a genitori e ragazzi. Domani un flashmob di protesta davanti all’istituto

Non hanno atteso molto studenti e famiglie ad esprimere le loro “forti perplessità” in merito al provvedimento che obbliga i ragazzi a trascorrere le ricreazioni in classe. Questa è infatti la regola adottata dalla nuova Dirigente Anastasia Cantile, preside a partire da quest'anno nella scuola media Pasquale Paoli di Modena.

“Il provvedimento non risulta in nessuna comunicazione ufficiale – sostengono gli organizzatori della protesta-  il Regolamento di Istituto infatti parla di ricreazione nei corridoi negli spazi antistanti la classe e quindi sembrerebbe assunto in maniera unilaterale dalla Dirigente, o al più dal Collegio dei docenti, senza alcun preventivo coinvolgimento delle famiglie e degli studenti, sia nelle sedi preposte (il Consiglio di Istituto, previsto il 30) né informalmente”.

Studenti e famiglie sono in maggioranza contrarie a questo provvedimento: essi sono confinati nelle mura della loro classe per 6 ore consecutive e alcuni per 9 ore e per andare al bagno occorrerà dotarsi di un pass e andare alternati.

“Questi ragazzi stanno in 25-30 in cubature sacrificate e quindi per loro uscire dalla classe, favorire il ricircolo dell'aria, sgranchire le gambe, rilassare la mente, è irrinunciabile – continuano i genitori contrari al provvedimento- come lo è il loro diritto ad avere occasioni di socializzazione anche con altri compagni di scuola e così via. E la ricreazione dovrebbe permettere ai ragazzi di rigenerarsi per seguire con maggiore concentrazione le lezioni successive! Quindi questione di salute e di diritto all studio”

Alla base del provvedimento,  non essendo cambiato il quadro normativo rispetto a giugno, pare ci sia il “peso” della responsabilità di vigilanza per la Dirigenza e gli insegnanti, ovvero se i ragazzi stanno chiusi in classe ci sono meno rischi per chì deve vigilare su di loro.

I ragazzi hanno atteso qualche giorno e dopo la protesta è esplosa su WhatsApp, dove i ragazzi più “indignati” hanno creato un gruppo WhatsApp che ad oggi ha raggiunto circa 200 studenti delle Paoli.  Pare inoltre che sia stato indetto un “flash-mob” di protesta davanti all’Istituto per domani Mercoledi 25 dalle 7:30.

Anche le famiglie hanno atteso poco: hanno inondato la Preside di lettere e di richieste di appuntamento per chiarimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Nubifragio e allagamenti, disagi lungo la Pedemontana per gli smottamenti

Torna su
ModenaToday è in caricamento