Nuova illuminazione per viale Montecuccoli, ecco il progetto di riqualificane

Un progetto di riqualificazione della strada, voluto dal Comune di Modena, raddoppia i punti luce per garantire oltre a maggiore resa ed efficienza, un risparmio energetico pari al 60% rispetto agli impianti precedenti, grazie alla tecnologia a led

S’inserisce nel progetto di riqualificazione di Viale Montecuccoli, voluto dall’Amministrazione Comunale di Modena, l’intervento di rinnovo dell’illuminazione pubblica da parte di Hera Luce, nel tratto di strada compreso tra via Paolucci e Viale Monte Kosica.

La realizzazione di nuovi parcheggi, di isole salvagente, di una pista ciclabile e la modifica della viabilità, hanno, infatti, richiesto l’adeguamento degli impianti di pubblica illuminazione, per garantire maggiore resa e, di conseguenza, aumentare ulteriormente il livello di sicurezza.

Il nuovo piano di illuminazione

Hera Luce ha progettato la nuova illuminazione in un contesto molto particolare: la presenza di platani protetti, la salvaguardia dei nuovi posti auto, l’illuminazione della nuova ciclabile hanno, infatti, definito la posizione obbligata dei sostegni ai punti luce. Da qui, la scelta progettuale di utilizzare tecnologie molto performanti, come il Led, in grado di garantire anche importanti risparmi energetici.

Il vecchio impianto era composto da 16 pali alti 12 metri su cui erano montati apparecchi illuminanti equipaggiati con lampade al sodio da 250 W.

Il nuovo impianto ha visto l’installazione di 30 pali alti 8 metri, posti a una distanza media di 20 metri l’uno dall’altro. È stato scelto un corpo illuminante con tecnologia LED da 77 W, che soddisfa i livelli illuminotecnici richiesti da normativa, sia per quanto riguarda la strada, sia riguardo ai percorsi ciclopedonali. Con questo intervento, pur avendo raddoppiato il numero dei corpi illuminanti installati, è possibile  risparmiare circa il 60% di energia elettrica rispetto allo stato precedente degli impianti, corrispondente, in media, al consumo energetico annuo di quattro famiglie.

Oltre al risparmio energetico ottenuto, l’intervento ha permesso di ridurre l’inquinamento luminoso, con un considerevole risparmio in termini di TEP (0,91) e di emissioni di CO2 (4.218,4 kg), equivalente, quest’ultimo, all’assorbimento dello stesso gas da parte di 171 alberi.

Anche l’impianto preesistente sarà trattato in un’ottica di circolarità e nel rispetto dell’ambiente: la sua rimozione ha prodotto 4,5 tonnellate di ferro e 250 kg di rame, che saranno reimmessi nel ciclo produttivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Contagio, 12 casi nel modenese. Nessun rientro dall'estero

  • Investe un ciclista e fugge, caccia ad un'auto-pirata a Vignola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento